Monica Bartolini – Per Interposta Persona

1430

Monica Bartolini (Roma 1964) si afferma nel mondo della scrittura gialla con i romanzi della serie del Maresciallo Nunzio Piscopo (Interno 8 e Le geometrie dell’animo omicida, quest’ultimo finalista al Premio Tedeschi nel 2011). Nel 2010 vince il Gran Giallo città di Cattolica per il miglior racconto italiano in ambito mistery.
Per I Buoni Cugini editori pubblica nel 2016 Persistenti tracce di antichi dolori, una raffinata raccolta di racconti gialli storici, che ha per filo conduttore le vicende legate al ritrovamento di alcuni antichi reperti che ancora oggi fanno bella mostra di sè nelle teche dei musei di tutto il mondo. Collabora da molti anni con i siti web www.thrillercafé.it e www.vivalibri.com per le recensioni di libri, ed è membro dell’Associazione Piccoli Maestri – Una scuola di lettura per ragazzi e ragazze che si occupa di leggere i classici nelle scuole italiane.
www.monicabartolini.it

Per I Buoni Cugini Editori, per la Collana Sbirri & Sbirrazzi, è appena uscito nelle librerie il nuovo libro dal titolo intrigante e di cui vi riportiamo la sinossi:

Si può uccidere per interposta persona? Amare? Investigare? Grandi dilemmi esistenziali investiranno il Maresciallo Nunzio Piscopo nel corso della serrata indagine sull’omicidio del gioielliere Greco.

Un’accusa infamante in capo al Maggiore Spada, un giuramento da rispettare, una famiglia da tutelare e un’altra da tenere insieme, la dolorosa sensazione di non sentirsi all’altezza, l’onore dell’Arma cme unica stella polare.

Si può uccidere per interposta persona?

“Un racconto sorprendentemente fluido, dove le dinamiche delle relazioni, le caratteristiche dei personaggi e gli eventi si mescolano in una trama vitale e ricca di sfumature.

Le immagini raccontano perfettamente pensieri e stati d’animo e guidano il lettore in un viaggio attraverso una normalità che non è mai banalità, ma è piuttosto il risultato in continua trasformazione delle scelte e delle necessità dei protagonisti. Gli eventi, anche i più drammatici, fluiscono con la naturalezza del tempo. Il bene e il male convivono in un equilibrio che è la cruda rappresentazione dell’umanità. Un romanzo tanto originale quanto solo la realtà sa essere!”

Dott. Simone Montaldo
Esperto in Psicologia della Testimonianza