Kate Rhodes – La Baia

1065

Editore La Corte Editore / Collana Underground
Anno 2019
Genere Thriller
335 pagine – brossura e epub
Traduzione di Federico Ghirardi


Può una piccolissima comunità composta da meno di cento anime nascondere tante insidie? Ci verrebbe da rispondere di “No”, eppure, nonostante tutti conoscano tutti, non sarà facile individuare chi ha commesso un feroce crimine. Kate Rhodes è bravissima a strutturare il romanzo in modo che il lettore è continuamente spinto a cambiare idea su chi possa essere stato il colpevole fino alla svolta finale.

“La Baia”, edito La Corte Editore, è un thriller avvincente che ha come protagonista principale l’ispettore Ben Kitto, poliziotto trentaquattrenne che ha lavorato tanti anni sotto copertura e che ora è tornato nella sua città natale per ritrovare se stesso dopo che un episodio spiacevole gli ha cambiato la vita. Ben presto, però, si troverà coinvolto nelle indagini ed i suoi piani iniziali dovranno essere rimandati per un po’ di giorni. I personaggi che incontriamo durante la lettura di questo libro non sono pochi: i genitori della vittima, la sorella, il fidanzato e l’ex, i proprietari di un pub e quelli di un negozio, un artista e altri ancora. Non sarà facilissimo memorizzare tutti i nomi ma la curiosità di come vada a finire la vicenda non vi farà staccare dalle pagine di questo libro.

Bryher, una piccolissima isola facente parte dell’arcipelago delle Scilly, in Cornovaglia, viene sconvolta dall’assassinio di una ragazzina di appena 16 anni, Laura. Chi l’ha buttata giù dalla scogliera dopo averle squarciato il petto? E perché? Sicuramente era qualcuno che lei conosceva bene. Da questo momento in poi tutti e novantotto gli abitanti dell’isola sono sospettati di omicidio, nessuno può allontanarsi e l’ispettore Kitto avrà il suo bel da fare per rimettere tutte le carte a posto. A fargli compagnia ci sarà il suo cane lupo cecoslovacco, Shadow, presente quasi in ogni momento. Appare subito una figura misteriosa, sfuggente e intrigante che si scopre poi essere anche molto interessante e mai scontata. Non ci sarà solo una vittima durante lo svolgimento della storia fino ad arrivare al finale che non ho trovato scontato, anche toccante per certi versi, fatto di alcune cose belle e altre brutte, un po’ come la vita di tutti noi, realisticamente parlando.

Le atmosfere sono spesso cupe, dominano il mare in tempesta e la nebbia, il buio; i dialoghi brevi rendono l’idea dell’agitazione generale, tutti elementi giusti per una storia che vuole tenere alto il livello di suspence. Quando il caso sembra essere risolto, ecco un’ulteriore svolta che spiazza il lettore. A mio avviso, manca solo un po’ di introspezione in più nei personaggi, sono un amante dei flussi di coscienza e qui se ne vedono troppo pochi. Questa storia rafforza la mia idea che la violenza non serve a nulla, mai, né quella fisica e né quella verbale. I veri “forti” sono proprio quelli che usano la calma e la gentilezza, a fare il contrario si correrà sempre il rischio che le situazioni diventino peggiori di quello che sono originariamente, anche a costo di sprecare tante energie mentali perché si sa che agire di istinto è più facile e veloce. “Qualsiasi cosa la vita ci tiri addosso, bisogna andare avanti”. Qualcuno ha un’altra soluzione?

Vincenzo Stamato


La scrittrice:
Kate Rhodes è nata a Greenwich, nel sud di Londra, ma ora vive a Cambridge. Kate ha un dottorato in letteratura e ha insegnato nelle università britanniche e americane. Ha iniziato la sua carriera di scrittrice come poetessa vincendo un Brindport Prize. Ha scritto diversi romanzi polizieschi che l’hanno fatta diventare una delle scrittrici di genere più amate nel Regno Unito. Il libro La Baia, ambientato sulle isole di Scilly, è stato opzionato per diventare una serie TV.