Agustin Martinez – Monteperdido

1094

Editore Rizzoli / Collana Nero Rizzoli
Anno 2019
Genere Noir
496 pagine – brossura e epub
Traduzione di SIlvia Richel


Agustìn Martinez arriva nelle librerie con il suo primo romanzo, Monteperdido, edito Rizzoli in Italia e tradotto in oltre dieci Paesi.

Le nevi del ghiacciaio si scioglievano con il calore dell’estate. Le lastre si sgretolavano con un leggero scricchiolio, e un sottile rigagnolo d’acqua filtrava dalle pareti della montagna che si stagliava di fronte al paese e gli dava il nome: Monteperdido.

Siamo sui Pirenei. Un paese suggestivo racchiuso tra i monti, in cui il rapporto tra uomo e natura, tra uomo e animale, assume un significato diverso. Un paese in cui ognuno conosce i segreti di chi abita accanto e ognuno tiene stretti i propri scheletri. È qui che cinque anni fa sono scomparse Ana e Lucia, amiche e vicine di casa, ed è qui che improvvisamente Ana torna in vita.

Ma quando la madre posò la mano sulla sua, Ana non svanì.

Chi ha salvato Ana? Chi era l’uomo in macchina con lei morto nell’incidente? Indagano sul caso Sara Campos e Santiago Bain, dell’Unità centrale operativa, cercando di ripercorrere cinque anni di storia, cinque anni in cui due famiglie e un paese hanno cambiato faccia e hanno stretto intorno ai loro confini un muro di silenzio e omertà.

L’immagine della ragazza chiusa in un luogo sconosciuto, a morire di fame e di sete mentre loro la stavano cercando la sopraffece.

Sara, un passato che lentamente impareremo a conoscere, che affronta i mostri del presente, affiancata dal fido e paterno Santiago, formano una coppia che saprò affrontare l’indagine da punti di vista mai affrontati prima: e se all’epoca tutti avessero perso di vista gli indizi davvero importanti? O se qualcuno li avesse insabbiati? Le indagini a Monteperdido non saranno semplici.

Risolvere un caso non significava quasi mai salvare le vittime. Risolvere un caso consisteva, la maggior parte delle volte, nel trovare i cadaveri e ricostruire lo svolgimento dei fatti.

E dove si trova Lucia? La sua famiglia non perde le speranze mentre Sara sente lentamente la presa sciogliersi: sarà ancora viva? Ma dove? Ana sembra non avere ricordi abbastanza vividi da poter aiutare eppure potrebbe nascondere anche lei altri segreti per la paura. Perché Monteperdido vive in una nebbia che difficilmente si dipanerà.

Da tempo tutti i segreti di Monteperdido erano stati svelati.

Un romanzo noir che è giustamente divenuto anche serie tv – La caccia – e che proprio grazie allo stile in cui viene scritto si predispone a diventare sceneggiatura anche per il grande schermo. L’ambientazione è una delle parti meglio riuscite in questo noir, un mondo che sembra quasi magico eppure così reale; lo scrittore si sente avvolto dai Pirenei, dalle temperature fredde, dai ghiacciai e dai caprioli, come se fosse realmente tra le vette dei monti.
La trama si presenta abbondante di particolari, così che diviene semplice seguire l’indagine e prendervi parte, con un finale pieno di colpi di scena. I personaggi, dai principali ai secondari, vengono descritti con ricchezza così che l’insieme degli abitanti di Monteperdido, e i loro segreti, siano un gruppo omogeneo di cui sentirsi parte. Uno dei romanzi noir più riusciti dell’ultimo anno e un romanzo degno di essere letto tra i primi di questo nuovo 2020 appena sbocciato.

Adriana Pasetto


Lo scrittore:
Agustin Martinez è uno scrittore e sceneggiatore spagnolo. Il suo primo romanzo, Monteperdido, è stato tradotto in dieci paesi.