Fabiano Massimi – L’angelo di Monaco

899

Editore Longanesi / Collana La Gaja scienza
Anno 2020
Genere Giallo storico
496 pagine – rilegato e epub


Fabiano Massimi, già consulente per le maggiori case editrici, arriva in libreria con il suo romanzo d’esordio, L’angelo di Monaco, un romanzo storico accurato e approfondito, basti pensare alla lunga biografia su cui si è basato.

Seduto a un tavolino all’aperto in mezzo ai chioschi del Viktuallienmarkt, Siegfried Sauer, commissario criminale della polizia cittadina, guardava gli alberi centenari intorno a lui.

Monaco, 1931. Sauer e Mutti vengono chiamati ad indagare su un caso spinoso e complesso, caso che dovrà essere risolto in poche ore, perché? A essere coinvolti saranno tutti i principali personaggi che ruotano attorno alla figura di Hitler e del Partito nazionalsocialista, in ascesa proprio in quel periodo storico.

Tutti, a Monaco, conoscevano quell’indirizzo. Prinzregentenplatz numero 16. Il palazzo in cui abitava il leader del Partito nazionalsocialista dei lavoratori, Adolf Hitler.

Un cadavere, una porta chiusa dall’interno, una pistola e il silenzio di tutti coloro che si trovavano sul luogo: tutto sembrerebbe far pensare ad un suicidio, ma chi è la vittima?

“Angela Maria Raubal” rispose Schwarz “detta Geli. Nipote prediletta di Herr Hitler, il leader del…”

Geli, una donna bella ed enigmatica, nipote di Herr Hitler, da lui amata non solo in quanto nipote. Geli, una donna descritta da ogni uomo in maniera differente come se ne esistessero diverse versioni, ed è proprio di questa donna che in molti si innamorano arrivando a essere tutti sospetti. Chi la amava davvero? Chi sta uccidendo tutti i testimoni fingendo si tratti di altri suicidi? E chi sta tramando nell’ombra affinché Sauer e Mutti si allontanino dal caso il prima possibile? La verità però non sarà così facile da scoprire, e forse non si scoprirà mai.

Uno sparo in un luogo chiuso è come un tuffo su una lastra di ghiaccio, l’onda d’urto che si spande dentro il corpo anziché nel mondo circostante, il dolore troppo acuto per potersi dissipare in pochi istanti.

Un romanzo in cui i protagonisti dovranno fare i conti anche con loro stessi e con il loro passato perché anche gli uomini più insospettabili possono nascondere segreti oscuri. E l’amicizia e i legami più profondi dovranno essere pronti a superare tutto.

L’angelo di Monaco non è solo un romanzo storico, non è solo un romanzo noir bensì un romanzo che indaga profondamente i meccanismi nascosti dietro le principali figure del Partito, tra cui Himmler, Goebbels o Goering. Di chi poteva davvero fidarsi Hitler? Chi avrebbe potuto uccidere sua nipote? Potrebbe essere stato Hitler stesso? La morte di Angela, avvenuta realmente a Monaco nel 1931, è un mistero che Massimi ha voluto indagare profondamente, senza lasciare nulla al caso, dando al lettore molti spunti su cui riflettere, lasciando senza alcun dubbio un romanzo storico di grande importanza, toccando alcuni punti di cui spesso poco si parla. Himmler fu davvero fedele a Hitler? O tutti cercarono solo di raccogliere indizi contro di lui per salvarsi in futuro? Un consiglio: leggete questo volume per croce e delizia, per domandarvi più di quanto vi siate mai chiesti fino ad ora.

Adriana Pasetto


Lo scrittore:
Fabiano Massimi è nato a Modena nel 1977. Laureato in Filosofia tra Bologna e Manchester, bibliotecario alla Biblioteca Delfini di Modena, da anni lavora come consulente per alcune tra le maggiori case editrici italiane. L’angelo di Monaco è stato l’esordio italiano più venduto alla Fiera di Londra 2019.