Agatha Christie: Poirot Vs Miss Marple

1986

 


Lo ammetto, mi autodenuncio davanti a voi tutti, pronta al vostro giudizio: non ho mai letto i romanzi di Agatha Christie. Io, amante del giallo e del noir, lettrice che da sempre ha preferito questi generi agli altri, collaboratrice con un sito dal nome inequivocabile, fino all’altro mese non mi ero mai avventurata nella lettura di un’opera della regina indiscussa del giallo. Eppure ho rimediato: dal mese di Gennaio, complici i social network – talvolta sono molto utili – sono venuta a conoscenza della Agatha Christie Challenge, ovvero una sfida di lettura annuale che viene portata avanti dal club ufficiale della scrittrice. In cosa consiste? Niente di complesso: ogni mese il lettore deve scegliere un romanzo da leggere in base a certe direttive, ad esempio nel mese corrente bisogna leggere un’opera che ha avuto una trasposizione cinematografica. Perché ho scelto di partecipare? Perché la lettura di molti classici è qualcosa che mi mancava come lettrice.

Agatha Christie, di cui si festeggia questo anno il centenario dell’uscita del primo romanzo The mysterious affair at Styles, nata nel 1890, è sicuramente una delle scrittrici più prolifiche con 66 romanzi gialli, 153 racconti e 17 opere teatrali tra originali e non. Se il personaggio di Poirot fa la sua comparsa nella prima opera della Christie nel 1920, Miss Marple si presenta al pubblico nel 1927 in una raccolta di racconti. Bisogna inoltre ricordare gli innumerevoli adattamenti teatrali e cinematografici, tra film e serie televisive, che già da Dieci Piccoli indiani del 1945 allietano il telespettatore. Attualmente in onda, prodotta dalla BBC, su Amazon Prime Video, possiamo trovare ad esempio le due puntate di The pale horse (Un cavallo per la strega) mentre nel 2018 John Malkovich ha rivestito il ruolo di Poirot in The ABC Murders (La serie infernale), così come nel 2017 è stata proposta una nuova versione di Murder on the Orient Express (Assassinio sull’Orient Express) e nel 2017 Crooked House (Mistero a Crooked House) con un cast d’eccezione che vedeva tra gli altri Glenn Close.

Partecipando dunque alla sfida letteraria lanciata annualmente dal sito ufficiale, nel mese di Gennaio mi sono dedicata alla lettura di Assassinio sull’Orient Express mentre a Febbraio ho proseguito la mia avventura con Un delitto avrà luogo, e senza saperlo ho subito scoperto i personaggi principali di Agatha.

Assassinio sull’Orient Express, di cui la prima trasposizione cinematografica nel 1974, vede il detective Hercule Poirot impegnato in una indagine sul treno che attraversa i Balcani. Siamo a Istanbul, 1935, e Poirot deve salire sul treno ma tutte le cuccette, stranamente, sono occupate; così un suo amico che lavora per la compagnia gli trova ancora un posto e può partire: la seconda notte di viaggio però, mentre il treno è bloccato nella neve, si consuma un omicidio e tutti i passeggeri della prima classe saranno sospettati. Ho decisamente apprezzato la struttura di questo romanzo in cui la logica di Poirot ci porta lentamente a scoprire segreti e sotterfugi: per chi ancora non avesse letto il romanzo o visto il film, sarà infatti interessante tornare indietro nel tempo, a un vecchio caso che in America creò molto scalpore. Poirot interrogherà i passeggeri e con intelletto e deduzione arriverà a trovare il colpevole, o i colpevoli?

Completamente diverso il mio approccio, e gradimento, con Un delitto avrà luogo, romanzo in cui troviamo Sir Henry Clithering, sovraintendente capo di Scotland Yard, e Miss Marple, simpatica vecchietta, appassionata di birdwatching e giardinaggio, che riesce tramite l’osservazione a trarre ottime conclusioni. In questa opera, sul giornale di un piccolo villaggio inglese appare l’annuncio di un delitto che avverrà nel villino Little Paddocks, e così molti ospiti si presentano presso l’abitazione quella sera stessa, pensando si tratti di un gioco. Ma effettivamente un delitto avrà luogo e sembrerà impossibile arrivare alla soluzione dell’enigma finché Miss Marple e Sir Henry, utilizzando sia la solita deduzione tipica dei romanzi della Christie sia grazie alla scoperta di altri due omicidi che seguiranno, riusciranno a scoprire la verità che stupirà il lettore.

Mentre Poirot è stato il personaggio meno amato dalla Christie, nonostante sia anche il personaggio di cui ha più scritto, Miss Marple, ispirata a sua nonna, era molto amata dalla scrittrice che però iniziò ad utilizzare questo personaggio solo negli anni ‘40. Mentre Poirot è un investigatore professionista, Miss Marple è in realtà una comare che ancora oggi possiamo trovare nei paesini di campagna. Particolarmente interessante è notare come non sempre, nelle opere della Christie, il colpevole o i colpevoli vengono assicurati alla giustizia, per differenti motivi: la morte del sospetto, la prescrizione o il passare del tempo. In tutti i suoi romanzi troviamo invece una struttura classica che è divenuta quella per cui la scrittrice britannica viene riconosciuta come regina del giallo: viene commesso un omicidio e più sospettati nascondono dei segreti che vengono lentamente svelati in conclusione arrivando alla soluzione del caso.

Essendo io una amante delle indagini più classiche, degli interrogatori, ho apprezzato decisamente più il primo romanzo del secondo, e specialmente ho imparato ad apprezzare il personaggio di Hercule Poirot, l’investigatore forse più classico della storia della letteratura. Non si può certamente criticare l’operato di una scrittrice che è ad oggi la più tradotta al mondo, però ogni lettore si affeziona più ad un personaggio che ad un altro, e Miss Marple non è riuscita ad entrare nelle mie grazie. Ora mi aspetta la lettura di Dieci piccoli indiani, mi piacerà?

E voi state partecipando a questa sfida o pensate di parteciparvi?

Adriana Pasetto


La scrittrice (da Wikipedia)
Dame Agatha Christie, nome completo Agatha Mary Clarissa Christie, Lady Mallowan, nata Agatha Mary Clarissa Miller (Torquay, 15 settembre 1890 – Winterbrook, 12 gennaio 1976), è stata una scrittrice e drammaturga britannica.
Tra le sue opere si annoverano, oltre ai romanzi e racconti gialli che l’hanno resa celebre, numerosi racconti e opere teatrali e anche alcuni romanzi rosa scritti con lo pseudonimo di Mary Westmacott.
È considerata una delle scrittrici più influenti e prolifiche del XX secolo nonché giallista di fama mondiale. Nelle sue opere sono presenti personaggi ricorrenti come Hercule Poirot e Miss Marple, divenuti famosi in tutto il mondo e protagonisti di buona parte della sua produzione letteraria e di una serie di adattamenti cinematografici e televisivi.
Ancora oggi i suoi romanzi sono pubblicati con successo in tutto il mondo ed è la scrittrice inglese più tradotta, seconda solo a Shakespeare.