Jesper Stein – Gli occhi di Aisha

477

Editore Marsilio / Collana Farfalle – I gialli
Anno 2020
Genere Giallo
512 pagine – brossura e epub
Traduzione di Maria Valeria D’Avino


Dopo aver rischiato la vita lavorando sotto copertura, il poliziotto Axel Steen torna operativo per risolvere il caso dell’omicidio di un ex agente dei servizi segreti. “Gli occhi di Aisha” è il quarto episodio di una serie premiata con il Golden Laurel, prezioso riconoscimento assegnato dai librai danesi al miglior romanzo dell’anno. Le vicende hanno luogo in Danimarca nel 2011 e precisamente nella capitale, a Copenaghen. Un uomo, Sten Hoeck, è stato seviziato e ucciso al decimo piano di un elegante edificio. La vittima era il responsabile di una importante società di trasporto marittimo ma ciò che sembra essere subito rilevante è che in passato abbia fatto parte del PET, l’intelligence danese. Nel 2007 aveva preso parte a un’operazione antiterrorismo della quale molti lati sono rimasti oscuri. C’entra qualcosa con la sua morte? Axel Steen, come da sua indole, oltrepassa il confine dell’ordinarietà e ha subito la sensazione che i suoi superiori non lo aiutino nelle indagini e addirittura che i servizi segreti lo ostacolino. Questo non fa che aumentare in lui la caparbietà ma anche i rischi ed i pericoli che presto si troverà ad affrontare. Sten Hoeck non è l’unico a perdere la vita e quindi la domanda sorge spontanea: cosa c’è davvero dietro a questi omicidi che sembrano essere collegati l’uno all’altro?

La narrazione si alterna tra il 2011 e il 2007 e pagina dopo pagina si scoprono i pezzi di un puzzle che si macchia di violenze e di abusi con scene esplicite che portano a tragiche conclusioni per più di uno. Ci troviamo davanti a un thriller politico fatto di rapimenti, interrogatori e torture in cui i servizi segreti danesi si prostrano davanti a quelli americani. Ciò che rende la storia molto più interessante è la mescolanza della vita lavorativa con quella privata del protagonista che lo porterà ad affrontare sfide decisamente importanti sul piano personale, immerso in un vortice che non gli darà molte scelte se non quella di rischiare tutto.
“Lascia stare, Axel, non puoi salvare il mondo. È marcio, devi abituarti all’idea”. “Non sono d’accordo, devo fare qualcosa”. Il compromesso è parte della vita di tutti noi ma per alcuni lo è più che per altri, soprattutto quando si ricoprono determinati ruoli o quando in gioco c’è la vita dei propri cari. Nelle ultime pagine l’adrenalina aumenterà sempre di più e non si riuscirà a mollare il libro fino al termine della storia.

“Il passato è passato. Ma non è vero. Il passato ti raggiunge sempre, prima o poi tutto si paga”. Purtroppo si sa che non siamo tutti uguali davanti alla legge ma, forse, a ognuno di noi la vita presenterà lo stesso il proprio conto, in un modo o nell’altro!

Vincenzo Stamato


Lo scrittore:
Jesper Stein (1965) vive a Copenaghen. Giornalista d’inchiesta per molti anni e reporter di guerra, è oggi critico letterario e dal 2006 membro dell’Accademia danese del poliziesco. “Gli occhi di Aisha” è il quarto romanzo nella serie dell’ispettore Axel Steen, sempre ai primi posti delle classifiche danesi e già premiata con il Golden Laurel, il più prestigioso premio letterario di Danimarca.