Elizabeth Kay – Sette piccole bugie

178

Editore Longanesi / Collana La Gaja Scienza
Anno 2021
Genere Giallo psicologico
352 pagine – rilegato e epub
Traduzione di Luca Bernardi


“L’amicizia è una sola anima che abita in due corpi, un cuore che batte in due anime” (Aristotele). Questa è l’amicizia perfetta, con la A maiuscola.
Poi c’è quella normale, “umana” direi, con gli alti e bassi, con la salita e la discesa, e rappresenta la maggioranza.
Questo romanzo è la storia di un ‘amicizia talmente bella e completa da far pensare che appartenga alla categoria rara di cui ho citato la massima.
Ma, attenzione! Lo è solo in un primo tempo. Come si evolva, poi, è tutto da scoprire come in un gioco di scatole cinesi. Jane e Marnie sono amiche del cuore.
Jane ha una sorella problematica, Emma, da molti anni malata di anoressia; una mamma ospitata in una residenza per anziani, affetta da demenza senile.
Senza mancare verso le sue due donne, la sua compagnia perfetta è però Marnie, un’amica che ama, che ammira, di cui sa tutto, anche i più intimi segreti.
Jane è vedova: Jonathan, il marito morto tragicamente poco dopo il matrimonio, ha spezzato le sue speranze di una vita insieme, di un figlio, lasciandola nello sconforto.
Meno male che c’è Marnie al suo fianco: con lei vicina, neppure il futuro senza un marito le fa paura. Ma un giorno anche Marnie trova l’anima gemella: è Charles, un uomo che non piace per nulla a Jane. La donna sente il pericolo nell’aria: Marnie non sarà più solo “sua”…
Però, quando l’amica le chiede se il fidanzato le piaccia, se pensa che siano adatti l’uno all’altra, lei mente e risponde di sì.
Ogni tanto anche le bugie sono necessarie, per tenere salda una bella amicizia.

Questa sarà soltanto la prima, piccola, innocente bugia, che porterà dietro di sé, come una valanga, una serie di altre bugie. Sette in tutto, per l’esattezza, che sconvolgeranno la vita di tutti.
E’ noto che quando si inizia a mentire, si inneschi come una specie di meccanismo infernale, per cui una bugia ne porta altre, e così via. E’ proprio ciò che accade in questa intrigante vicenda.
Di quali si tratti, è una scoperta da lasciare ai lettori, per non incorrere in anteprime che toglierebbero molto gusto all’insieme.

Una curiosità: la storia è narrata da Jane a qualcuno. Un qualcuno che non si sa, non si capisce chi sia, fino alle ultime pagine del romanzo, e che spiega poi questo singolare modo di raccontare.
Jane ha bisogno di dire tutto, di giustificare, in un certo senso, le sue bugie, le sue motivazioni che, analizzate dal suo punto di vista, sono ineccepibili! Anche quando, cammin facendo, porteranno ad azioni gravissime.
La storia, però, non si può definire un giallo vero e proprio, quanto un romanzo psicologico, anche se la morte farà la sua apparizione, a un certo momento.
Ogni fatto è frutto di un’indagine psicologica: la donna scava, cerca motivazioni, appigli, rendendo quello che potrebbe essere una normale vicenda di amicizia, un buon romanzo di spessore.

Si potrebbe affermare che sia un romanzo non solo sull’amicizia, ma sulla MENZOGNA.
Menzogne in tutte le loro sfaccettature, con tutte le problematiche che la storia porta a galla. Le domande che suscita sono numerose: Fino a che punto è lecito mentire?
Come essere sicuri, una volta iniziata la catena di bugie, di potersi fermare, o – ancor peggio – di poter cancellare gli errori, riavvolgere il nastro (come dice quella bella canzone dei Pooh), per rimediare?
Per la nostra Jane, la strada è tutta in avanti, senza retromarce. Fermarsi o tornare indietro non è più possibile – anzi, non è proprio considerato – con le tragiche conseguenze che ne verranno!
Sottotitolo: come trasformare un’amicizia meravigliosa in un’amicizia malata.
Un romanzo sicuramente singolare, sia per questo lungo monologo verso mister X, sia per come è trattata la tematica. Avvincente al punto giusto, ben scritto, con le giuste sorprese ben disseminate. Una piacevole lettura.

Rosy Volta


La scrittrice:
Elizabeth Kay è una scrittrice inglese. È autrice della trilogia The Divide, una serie di romanzi fantasy per bambini, originariamente pubblicata da Chicken House Press, poi raccolta da Scholastic Books .