Anne Glenconner – Assassinio sull’isola

455

Editore Mondadori / Collana Narrative
Anno 2021
Genere thriller
300 pagine – brossura e epub
Traduzione di Alessandra Petrelli


Cielo blu; palme al vento; foresta tropicale e profumi di terra umida e di fiori; un mare limpido e cristallino, popolato da pesci di ogni genere e formazioni coralline di rara bellezza.
È il paradiso, penseranno i lettori; in effetti lo è.
Si parla qui della magica isola di Mustique, nei Caraibi. Isola privata, da sempre regno esclusivo di stelle del cinema e della musica, di miliardari, di nobili. E qui si vive felicemente, in un clima ideale, tra feste, locali alla moda, musica e vita di mare.

Tutto questo, però, può finire bruscamente. E non soltanto perché un uragano tremendo sta per arrivare – di quelli che distruggono tutto al loro passaggio, come solo ai Tropici avviene. Arriva anche la Signora con la falce, che fa ben più paura di un uragano.
A farne le spese per prima è la bella ereditiera Amanda, che scompare improvvisamente dopo un bagno nell’oceano, e per la cui ricerca viene ingaggiato il giovane poliziotto Solomon Nile. La protagonista principale della storia è l’anziana Lady Vee, madre adottiva di Lily, la migliore amica di Amanda, che subito affianca il giovane nell’indagine.

La ragazza scomparsa aveva un ex fidanzato, Tommy, con cui aveva avuto screzi; anche lui ricco rampollo con villa a Mustique, che naturalmente viene subito sospettato di questa sparizione. Gli avvenimenti drammatici sono appena iniziati: Amanda viene trovata uccisa, nella barriera corallina, da un pescatore: un pezzo di corallo reciso, con strane incisioni sopra, è il messaggio dell’assassino. Messaggio che si ripeterà più volte, in vari luoghi; inquietante e misterioso.

Mentre le ricerche dell’assassino proseguono senza tregua, si cerca di condurre la vita gaudente di sempre, ma qualcosa si è spezzato: la Morte colpirà ancora.
Intanto le avvisaglie dell’uragano si fanno sentire. Strani personaggi, famosi e non, circolano nell’isola; qualcuno segue Lily nella foresta; qualcun altro, interrogato, dà risposte ambigue: molti sono sospettabili.
Solomon, al suo primo caso, e con tormenti interiori legati ad un fatto del suo passato, si impegna allo spasimo: sa che è importante risolvere il caso nei primi giorni – poi è sempre più difficile – e inoltre c’è l’uragano in arrivo, che bloccherà tutto!
Storia affascinante, che procedendo diventa sempre più incalzante, fino alle ultime pagine da…cardiopalma. Scene da paura ed uragano, insieme: c’è di che stare svegli!
Mentre gli avvenimenti drammatici si susseguono, non sarà più possibile abbandonare la lettura.

Alcuni interessanti dettagli, legati al romanzo. Innanzitutto la storia ha un curioso impianto: i capitoli sono alternati, uno scritto in prima persona da Lady Vee, e l’altro in terza persona, e questo sistema narrativo dà un ritmo particolare alla vicenda.
E poi…udite, udite! Lady Vee non è un personaggio inventato, è l’autrice: la baronessa Anne Glenconner, moglie del nobile proprietario dell’isola di Mustique, da lui acquistata per farne un paradiso per ricchi!
La nobildonna è stata per trent’anni la dama di compagnia della principessa Margaret d’Inghilterra (che nomina spesso nel romanzo), e che adorava quest’isola, dove soggiornava per lunghi periodi.
Qui si mescolano, perciò, realtà e fantasia.
Realtà, nella descrizione della magnifica isola, della sua vegetazione, della vita gaudente: l’autrice ne parla con profondo affetto, che si percepisce a pelle.
Fantasia, nella vicenda gialla, costruita con bravura e capacità, considerata la non verde età della novella scrittrice, che ha quasi novant’anni.
Una storia piacevolissima, quindi, da leggere sotto l’ombrellone o alla fresca ombra di un bosco di montagna. O infine, dove piace al lettore: sicuramente un ottimo relax, trasportati nella magica isola di Mustique!

Rosy Volta


La scrittrice:
Anne Glenconner (Londra, 1932) è stata per più di trent’anni la dama di compagnia della principessa Margaret, sorella della regina Elisabetta. Di questa esperienza fuori dal comune racconta il suo primo libro Lady in Waiting: My Extraordinary Life in the Shadow of the Crown, grande successo editoriale nel Regno Unito. Suo marito, il barone Colin Tennant Glenconner, comprò nel 1958 l’isola di Mustique con il progetto di renderla un paradiso turistico per ricchi e nobili inglesi. Mustique attirò le attenzioni dei media quando due anni più tardi il barone regalò un terreno alla principessa Margaret, che, stregata da questo paradiso, ne divenne una delle più assidue frequentatrici.