Gabriel Bergmoser – Prede

264

Editore Sperling & Kupfer / Collana Macabre
Anno 2021
Genere Horror
275 pagine – rilegato e epub
Traduzione di Chiara Brovelli


Frank vive nel bush australiano, gestisce una pompa di benzina a chilometri e chilometri dalla prima città e da qualche giorno deve occuparsi di sua nipote, Allie. È un uomo solitario, silenzioso, i cui sentimenti non possono mai essere descritti a parole ma adesso ha una persona al suo fianco della quale occuparsi. Quando Del e Charlie si fermano proprio alla sua stazione per riempire il serbatoio, Frank si ferma con loro a mangiare qualcosa fino a quando una ragazza, ricoperta di fango e sangue, parcheggia il suo pick-up nel piazzale antistante. Da quel momento la loro vita cambierà.

Anche se all’inizio l’aveva spaventata, non la disturbava più l’essere svegliata presto ogni mattina da un urlo che proveniva dalla sua stanza. Le faceva capire che era vivo.

Simon sta attraversando l’Australia alla ricerca di una terra selvaggia e sconosciuta. Si allontana dalla città, e quando trova Maggie al pub sembra impossibile che lei voglia continuare il viaggio con lui. Maggie ha con sé una sacca piena di soldi, e questo a Simon sembra strano. Dopo una notte in cui hanno dovuto dormire in macchina. Maggie chiede a Simon di cambiare strada, inoltrandosi in un bosco pieno di cacciatori.

Gli occhi scuri, impressionanti in mezzo al sudiciume che copriva il viso e i capelli impiastricciati, erano fissi nei suoi. Aprì la bocca come per dire qualcosa. Ondeggiò, senza muoversi. Poi cadde a peso morto sul cemento.

Chi siamo disposti a salvare? È forse vero che tutti meritano una seconda possibilità? Frank, il cui passato oscuro ha insegnato la differenza tra preda e cacciatore, crede di sì. Insieme a Maggie, Del e Charlie si troverà a compiere scelte che pensava non avrebbero più fatto parte della sua esistenza.

Qualunque cosa stesse succedendo lì, era pronto a scommettere che non si trattasse di quello che gli avevano detto, così come era pronto a scommettere che quei due non fossero veri poliziotti.

Sperling & Kupfer inaugura la nuova collana Macabre, dedicata agli amanti del terrore, con il thriller/horror di Gabriel Bergmoser, già vincitore di numerosi premi. Prede è un concentrato di adrenalina, violenza e – come dice il nome della collana – scene piuttosto macabre. Ambientato in quell’Australia lontana dalle mete turistiche, dove la vita è rimasta selvaggia come la terra, Prede riesce a inserire nella modernità temi noti a chi ama il genere horror. Questo romanzo viaggia su un punto di forza decisamente ovvio: l’animale nascosto in ogni essere umano. Siamo cacciatori o prede?

Se inizialmente la trama si scompone lungo due archi temporali – un prima e un adesso – i capitoli finali di quest’opera si uniscono poi in un presente che non risponde però a tutte le domande che il lettore si è fatto durante i capitoli precedenti. I personaggi – Frank, Maggie e altri – hanno alle loro spalle un passato ingombrante a livello psicologico, e forse le vicende che accadranno a loro riusciranno ad aprire uno spiraglio di luce nel fondo delle loro anime buie. Quello che riesce meglio all’autore è la rappresentazione di un terreno, quello australiano, arido e doloroso che entra sotto la pelle dei protagonisti, modellandoli e rendendoli quello che ora sono. Non tutto è cupo però, come l’amore di un nonno per la nipote da salvare.

La prima parte del romanzo scivola sotto gli occhi del lettore che si trova ad affrontare con stupore eventi inaspettati mentre la seconda parte – quella che ho definito “del presente” – si concentra sull’azione e su quello che l’essere umano è disposto a fare pur di raggiungere la salvezza. Insomma, Prede è molta ferocia ma anche tanto studio dell’animo umano.

Adriana Pasetto


Lo scrittore:
Gabriel Bergmoser è un giovane pluripremiato autore e drammaturgo australiano. A soli trent’anni ha già ricevuto numerosi riconoscimenti: è stato nominato al Kenneth Branagh Award e ha vinto il prestigioso Sir Peter Ustinov Television Scriptwriting Award. Si divide tra la passione per la recitazione e quella per la scrittura. Prede, di cui è in corso un adattamento cinematografico prodotto da Stampede Ventures e Vertigo Entertainment, è il suo primo romanzo pubblicato in Italia.