Donato Carrisi – La casa senza ricordi

737

Editore Longanesi / Collana La Gaja Scienza
Anno 2021
Genere thriller psicologico
400 pagine – rilegato e epub


Pietro Gerber ha appena terminato una seduta con la giovane paziente Lavinia quando, in una fredda Firenze, si prepara per tornare a casa. Silvia e Marco ormai lo staranno aspettando, pensa. Eppure, nonostante l’ora ormai tarda, le luci che segnalano l’arrivo di un nuovo paziente si illuminano: fuori non c’è nessuno, solo un ago con un filo blu infilzato in una delle mele a disposizione dei bambini.

Invece, i due setter stranamente non tornavano. Allora, per richiamarli, si infilò due dita in bocca e rilasciò un fischio forte e prolungato. Niente: continuavano a latrare, nervosi. Ben presto, iniziarono a ululare. La donna capì che cercavano di attirare la sua attenzione. E comprese anche che nel bosco c’era qualcosa che li tratteneva.

È notte ormai quando la Baldi convoca Pietro Gerber per un consulto: Nikolas ha dodici anni e per lunghi mesi è risultato disperso insieme alla madre. Ora però Nico non parla, o almeno quello che ha da dire non sembra provenire dalla sua coscienza ma da una stanza buia che Gerber ancora non riesce ad aprire.

Perché era come se ci fossero due entità dentro di lui. L’innocuo dodicenne e il freddo assassino.

Il nuovo caso in cui Pietro si trova implicato rischia però di rovinare ulteriormente la sua vita, le sue relazioni e la sua reputazione. In un Firenze oscura. Gerber dovrà ricucire alcuni strappi della sua vita passata, immergendosi nei ricordi più bui.

Dopo il successo de “La casa delle voci”, Donato Carrisi, maestro del thriller italiano, torna a raccontarci la vita di uno dei suoi personaggi più amati: Pietro Gerber, conosciuto come “l’addormentatore di bambini” è uno psicologo infantile specializzato in ipnosi che spesso viene chiamato a indagare i lati più oscuri delle menti dei bambini. Ed è questo quello che più ci disturba durante la lettura di quest’opera: davvero le creature che riteniamo più innocenti sono in realtà capaci di atrocità inimmaginabili? Carrisi si sofferma nello spiegare a ritroso l’infanzia e la storia personale di Gerber che già aveva coinvolto il personaggio nel primo volume della serie: chi era davvero il dottor B? E che padre è stato lo psicologo più famoso di Firenze? Se questo poi non fosse già abbastanza, l’autore intesse una storia complessa che vede coinvolto un bambino, Nico, scomparso insieme alla madre mesi prima, e un misterioso affabulatore.

Lo stile è quello inconfondibile di uno scrittore che sa, e vuole, scavare negli angoli più bui della mente umana: le tinte sono cupe, i giorni sono pieni di pioggia e i luoghi colmi di silenzio. Come già avvenuto in altre sue opere però, Carrisi lascia che sia il lettore a scoprire – pagina dopo pagina – la realtà di quello che è avvenuto e vuole che sia proprio il suo interlocutore a porsi le domande necessarie per arrivare alla verità finale. Parlare di questo volume, senza rischiare di cadere nello spoiler, di rivelare parte della trama, è pressoché impossibile: la storia narrata – anche in questo caso, come spesso avviene nei romanzi di questo autore – è un cerchio che rischia però di non chiudersi sul finale.

Da amante di Carrisi – sì, ho letto tutte le sue opere rigorosamente in ordine cronologico – sono certa che il pubblico più ampio apprezzerà anche questo nuovo romanzo ma – e io tra questi – i suoi lettori più affezionati potranno in qualche modo risentire di una scelta di sceneggiatura che porta l’opera quasi a essere incompiuta, in previsione immagino di un terzo volume della serie su Gerber. Non preoccupatevi, però, se amate il thriller psicologico in questo romanzo troverete tanto materiale che vi interesserà.

Adriana Pasetto


Lo scrittore:
Donato Carrisi è nato nel 1973 a Martina Franca e vive fra Roma e Milano. Dopo aver studiato giurisprudenza, si è specializzato in criminologia e scienza del comportamento. Scrittore, regista e sceneggiatore di serie televisive e per il cinema, è una firma del Corriere della Sera. È l’autore dei romanzi bestseller internazionali (tutti pubblicati da Longanesi) Il suggeritore, Il tribunale delle anime, La donna dei fiori di carta, L’ipotesi del male, Il cacciatore del buio, La ragazza nella nebbia – dal quale ha tratto il film omonimo con cui ha vinto il David di Donatello per il miglior regista esordiente –, Il maestro delle ombre, L’uomo del labirinto – da cui ha tratto il film omonimo – , Il gioco del suggeritore e La casa delle voci. Ha vinto prestigiosi premi in Italia e all’estero come il Prix Polar e il Prix Livre de Poche in Francia e il Premio Bancarella in Italia. I suoi romanzi, tradotti in più di 30 lingue, hanno venduto milioni di copie.