Andreas Gruber – Fiaba di morte

1038

Andreas Gruber è nato nel 1968 a Vienna, dove si è laureato in Economia. Dopo aver lavorato in una compagnia farmaceutica, attualmente fa lo scrittore a tempo pieno e vive con la famiglia e cinque gatti a Grillenberg, in Austria. Ha vinto due volte il Vincent Prize e il German Phantastik Prize e i diritti dei suoi romanzi sono venduti in tutta Europa.

Ha pubblicato nel 2016 Sentenza di morte per Longanesi. Ora torna con il suo nuovo thriller intitolato Fiaba di morte, sempre per Longanesi, già disponibile nelle librerie. Vi riportiamo la sinossi, in attesa di leggerlo per voi:

Berna. Il cadavere di una donna fluttua nel vuoto, appeso a un ponte per i capelli. Quando il detective Rudolf Horowitz nota un misterioso segno sulla pelle della vittima, capisce subito che, per risolvere il caso, non potrà fare a meno dell’aiuto di Maarten S. Sneijder, il profiler olandese noto in tutta Europa per il suo talento. Affiancato dalla giovane collega ed ex-allieva Sabine Nemez, Sneijder individua subito inquietanti somiglianze tra il metodo dell’artefice dell’omicidio a Berna e quello dello spietato serial killer Piet van Loon, da lui arrestato anni prima dopo una estenuante caccia all’uomo.

Ma, procedendo nelle indagini, l’assassino sembra essere sempre un passo avanti a loro. Nel frattempo, la giovane psicologa Hannah Norland arriva a Steinfels, un penitenziario psichiatrico nel nord della Germania, con il pretesto di dirigere sessioni di terapia di gruppo con i detenuti. Ma Hannah, in realtà, è interessata a un solo prigioniero, Piet van Loon, lo stesso che per Sneijder torna misteriosamente ad essere una figura chiave in un gioco diabolico. Un gioco che dovranno fermare a ogni costo prima che altri innocenti possano cadere vittima di una nuova, perversa violenza.