Patricia Walter – Amnesia

1162

Editore Le Assassine / Collana Oltreconfine
Anno 2018
Genere Giallo
256 pagine – brossura e ebook
Traduzione di E. Ninni

[divider] [/divider]

Non giudicare mai un essere umano. Non sai mai quali battaglie conduce nel suo intimo

In una New York innevata,  Zoe si risveglia con una forte sensazione di paura e terrore, ma non sa se si tratta  solo di un incubo o  se le è successo davvero qualcosa di brutto! In preda a mille dubbi e perplessità, cerca rifugio nelle poche certezze che ha: l’amato David, il fedelissimo gatto Plincky e la sua casa… Ma nulla è come prima: il letto è vuoto e non c’è nessuna traccia del marito, si ritrova sola in pessime condizioni, ha ematomi e ferite su gran parte del corpo, fatica a riconoscersi e ciò che la spaventa maggiormente è l’assoluta mancanza di memoria. Non ricorda nulla degli ultimi due giorni. Zoe sente di essere sul punto di impazzire, intrappolata in un limbo in cui non riesce a ricostruire il  passato e a comprendere il presente, senza la possibilità di procedere oltre.

 … aveva avuto l’impressione che le venisse a mancare la terra sotto i piedi; ora invece le sembrava di sprofondare in un buco senza fine…

Zoe cerca in ogni modo, grazie anche all’aiuto dell’amica Nicole e di Marco di risolvere un mistero che si fa sempre più intricato e sfuggente, mettendo anche a rischio la propria vita. I personaggi sono ben delineati in particolar modo dal punto di vista emotivo, il più riuscito è senz’altro quello di Zoe, ma risultano interessanti anche quelli di Jasmine e Kreuss, entrambi suoi vicini di casa, ma molto diversi tra loro. Jasmine è una donna affidabile, è un’attrice in erba che cerca di sfondare nel mondo della tv/cinema. Di Kreuss Zoe ha sempre avuto paura, un uomo solitario e schivo, di cui non sa nulla, che trascorre gran parte delle sue giornate in casa, dietro le finestre a spiare i vicini. O almeno questo è quello che crede.
Zoe è una donna fragile che non è mai riuscita a superare l’impossibilità di avere figli e il suo rapporto con David, un uomo perfetto, che le è stato sempre fedele e vicino anche nei momenti peggiori non sempre le basta.  Ha un lavoro che ama e una amica di cui si fida, ma anche queste poche certezze verranno ben presto meno, seppellite da infiniti dubbi e insicurezze.
Un thriller psicologico ricco di suspense, con una trama fluida e ben strutturata. Grazie alla sapiente penna di Patricia Walter si entra nel vissuto psicologico dei personaggi e si vive appieno ogni emozione, come travolti da un vortice che ti porta fino in fondo, all’ultima pagina del romanzo. Interessante il tema dell’amnesia, della totale o parziale perdita di memoria a causa di un trauma subito.  Tema affrontato da diversi autori sia  sullo schermo che su carta.

E restando sull’argomento (cervello che si disconnette) mi piace riportare un piccolo aneddoto della vita della Signora in giallo per eccellenza, Agatha Christie che nel 1926, dopo la morte della madre e la richiesta di divorzio del marito, fu protagonista di un giallo degno della sua penna. Per 11 giorni scomparve da casa, vagando in uno stato di amnesia, per poi essere ritrovata a 320 km da dove aveva lasciato l’auto, in un albergo in cui si era registrata con il nome dell’amante del partner. Quando fu ritrovata mostrò di non ricordare nulla del marito, di sé e di quanto era accaduto. Uno studio del 2003 stabilì che la Christie visse un evento di amnesia psicogena, ossia una perdita di memoria causata da shock emotivi. I maligni hanno però sempre sostenuto che si è trattato di una montatura pubblicitaria, o di un modo per far ricadere sul fedifrago la colpa di un fantomatico omicidio della moglie. Chissà quale fosse la verità…

Amnesia è il primo romanzo  per la Walter che fa parte di  una collana in cui scrittrici di oggi, sparse in diverse parti del mondo ma accomunate dalla stessa passione per il giallo, ci raccontano storie in cui si muovono personaggi con vissuti e sfondi diversi. Una riscoperta di scrittrici del passato rilette in chiave moderna…tutto questo grazie alla nuova casa editrice milanese “Le Assassine. Un romanzo da gustare, magari sotto l’ombrellone e da divorare in pochi giorni. Grazie Patricia!

Eliana Russillo

[divider] [/divider]

La scrittrice:
Patricia Walter ha studiato statistica a Monaco e lavora nel campo delle assicurazioni. Oltre a scrivere, nel tempo libero pratica arti marziali, in particolare kung fu e judo; in questa seconda disciplina è cintura nera, 2° dan. Amnesia è il suo romanzo d’esordio. Per saperne di più sull’autrice, ecco il suo sito: www.patricia-walter.com