Amy Stewart – Grossi guai per Miss Kopp

677

Amy Stewart è nata in Texas. Attualmente vive a Portland con suo marito, Scott Brown, libraio antiquario. Sono proprietari di Eureka Books, una libreria talmente indipendente da essere in California mentre loro vivono in Oregon. Appassionata di giardinaggio, ha una predilezione per le piante velenose: il suo giardino è stato incluso tra i diciotto più strani al mondo. Grossi guai per Miss Kopp è il secondo capitolo della saga delle sorelle Kopp, dopo La ragazza con la pistola (Baldini+Castoldi, 2018). Le avventure di Constance, Norma e Fleurette diventeranno una serie Tv prodotta da Amazon.

Già disponibile in libreria il suo romanzo “Grossi guai per Miss Kopp”, edito da Baldini+Castoldi, di cui vi riportiamo la trama:

Nell’autunno del 1915, Constance Kopp, dopo aver scartato sdegnosa il mestiere di giardiniera e intagliatrice, per non parlare di quello di governante, si destreggia nel suo nuovo mondo: la prigione dello sceriffo Heath, ad Hackensack, in New Jersey. Il suo posto da vicesceriffa è in bilico, perché le ingessate leggi dello Stato ancora non prevedono che quella carica possa essere ricoperta da una donna. E così viene retrocessa a direttrice della sezione femminile, dove sorveglia le detenute o rincorre giovani ragazze in fuga sui treni, accudisce prostitute rinvenute mezze uccise dall’oppio, sottrae ragazzine ignare alle grinfie di qualche mascalzone, compila documenti per donne che vogliono divorziare. Ma è un vecchio tedesco scaltro, il barone von Matthesius, che, evadendo, minaccerà il suo distintivo. In questo sequel basato su una storia vera, Constance insegue l’evaso per le strade di New York e del New Jersey, dimostrando tutto il suo talento di detective. Le sue sorelle, Norma e Fleurette, sono d’aiuto e anche d’ostacolo al suo lavoro: Fleurette, frivola e spumeggiante, intende darsi all’amato teatro, con grande preoccupazione di Constance, mentre Norma, che addestra piccioni per il recapito urgente di messaggi e legge sei quotidiani al giorno, con il suo pragmatismo fornisce a Constance ottimi suggerimenti per risolvere il caso.

“Grossi guai per Miss Kopp” fa entrare ancora una volta i lettori nella storia dimenticata di una delle prime donne vicesceriffo d’America, in anticipo non solo sul suo tempo, ma a volte anche sul nostro.