Rachel Abbott – Il tuo ultimo gioco

566

Editore Piemme
Anno 2020
Genere Thriller
368 pagine – rilegato e epub
Traduzione di Rachele Salerno


Una residenza principesca in Cornovaglia, nel profondo sud-ovest dell’Inghilterra, un gruppo di persone chiuse nella casa, una morte all’apparenza senza una spiegazione, un passato oscuro e inconfessabile che rende ogni persona presente sospettabile del delitto. Vi ricorda qualcosa? Qualcosa di già letto e sentito? Certo. Ma per chi come me ha sviluppato la sua “febbre gialla” con Agatha Christie ed Hercule Poirot, ed è cresciuto a pane e Sherlock Holmes è un po’ come tornare a casa, dopo aver vagato per anni dalla Spagna (Vazquez Montalbàn) alla Francia (Vargas, Izzo) alla Scandinavia (Larsson, Mankell, Nesbø) e quindi all’Italia (Camilleri, Robecchi). È un po’ come tornare al primo amore, e trovare che la passione è la stessa di allora, che l’affetto è ricambiato e che la casa è ancora lì, confortevole e rassicurante.
Niente di nuovo quindi? Tutt’altro.

Tanto per cominciare, manca l’ingrediente fondamentale: il delitto. I preparativi del matrimonio di Lucas Jarrett, ricco proprietario e anfitrione, e Nina, sua promessa francese, vengono funestati dal suicidio di Alex, bella, giovane, misteriosa e apparentemente disturbata sorellastra di Lucas. Un suicidio che non convincerà mai completamente suo fratello, il quale è certo che Alex mai al mondo gli avrebbe rovinato il giorno più bello con il più estremo dei gesti. Lucas è convinto che Alex sia stata uccisa, e che a farlo sia stato uno dei presenti. Uno dei suoi amici, quindi. Tanto che a distanza di un anno, dopo che la polizia ha rapidamente archiviato il caso, li costringerà a tornare a Polskirrin (a proposito, il nome è inventato, suggerito da una lettrice della Abbott!), con la scusa dell’anniversario, a partecipare a un gioco sgradevole e a rivivere quella sera maledetta.
Anche Stephanie King, l’agente di polizia che è convinta che il verdetto di suicidio sia stato emesso troppo frettolosamente, non ha niente del detective tradizionale. È una donna moderna, combattuta tra due passioni contrastanti: quella per la carriera di detective e quella per il collega Gus. La coppia pare funzionare, anche dal punto di vista investigativo. Ma è lei, grazie al suo istinto, alle sue doti di empatia e di indagine psicologica, oltre a quelle più ovvie di investigatore, a guidare l’inchiesta. Che sia l’inizio di una nuova coppia di investigatori nel mondo del giallo/noir? Lo scopriremo forse nel prossimo libro.

La narrazione della Abbott è tutt’altro che scontata. Non c’è un solo narratore, ma ce ne sono almeno quattro, senza che nessuna delle voci prenda il sopravvento. Con la possibile eccezione di Jemma, la moglie di Matt, un’estranea per il gruppo di amici, che racconta in prima persona e con dovizia di particolari anche le sue più piccole emozioni. C’è poi la voce di Alex, che com’è facile intendere, avrà vita breve. C’è la voce di un narratore esterno, che ha però gli occhi di Nina, la futura moglie. E c’è quella di Stephanie King, l’investigatrice. All’inizio si fa un po’ fatica ad adattarsi a questi continui cambi di registro. Ma ci si rende ben presto conto che i punti di vista di queste quattro donne consentono al lettore di avere un quadro completo, e di essere l’unico in possesso di tutte le informazioni.
Fino al colpo di scena finale, sorprendente anche per uno smaliziato lettore di gialli come il sottoscritto. Un colpo di scena che ripaga di un ritmo non sempre incalzante. Scoperte inattese, ribaltamento di ruoli, e personaggi rivelati per quello che sono. Che altro si può chiedere a un giallo?

Nicola Mentore


La scrittrice:
Rachel Abbott è una signora inglese che nei primi anni Duemila ha venduto la sua azienda di comunicazione e media per ritirarsi in Italia, nelle Marche, dove ha ristrutturato un monastero del xv secolo. È lì che un giorno ha deciso di provare a scrivere thriller. Da allora è diventata una delle principali autrici di genere inglesi, con più di tre milioni di copie all’attivo. La tua ultima bugia è un bestseller internazionale, a lungo ai vertici delle classifiche. Presto vedremo un altro romanzo con la detective King.