Volker Backert – Quella notte di ottobre. La verità trent’anni dopo

584

Editore Emons Edizioni
Anno 2021
Genere Giallo
250 pagine – brossura e epub
Traduzione di


Repubblica Democratica Tedesca (DDR), 3 ottobre 1990.
Le macchine strombazzano i clacson e la gente è festante, gridano per la libertà trovata e all’unità tedesca dopo più di un anno di manifestazioni e sollevazioni popolari. Sono tutti con una bandiera in mano, senza lo stemma del regime, alcuni lo hanno semplicemente tagliato via.
Ed è proprio in questo giorno di festa che viene compiuto un crimine efferato. Tutta la famiglia Borkow, Rolf-Peter sua moglie Monika agenti della Stasi e il figlioletto Stefan, vengono trucidati in una piccola fattoria a Rottenbach, vicino Coburgo.
Trent’anni dopo la Germania si prepara alla festa per la Riunificazione e la candidata a condurre il talk show, proprio il 3 ottobre, è Hannah Steiner, una giornalista d’avanguardia, fresca vincitrice del premio IANSA per la sua lotta contro le piccole armi da fuoco.

David Rosinsky è un giornalista austriaco freelance, collabora con l’ORF di Vienna e il suo pallino è una certa Rudolfine Steindling. David è certo che la signora, ormai passata a miglior vita, sia stata in qualche modo la fonte di un furto nei confronti della Repubblica Federale Tedesca di ben 130 milioni di marchi, passati dalle sue mani alla vecchia nomenklatura della Stasi proprio nel periodo dei primi approcci per la riunificazione.
Le due storie, quella di Hannah e del giornalista Rosinsky si intrecciano tra loro in un modo quasi impensabile. Quella notte del 3 ottobre, l’assassino della famiglia Borkow ha dimenticato un membro della famiglia. Una bambina piccola di solo due anni. Non si sa se il boia abbia avuto pietà di lei, o se fosse nascosta alla sua vista in qualche modo. Fatto sta che Jana Borkow è viva e altri non è che Hannah Steiner, adottata nel 1990 dai coniugi Steiner.
Quindi i due inizieranno a collaborare tra loro per scoprire effettivamente cosa sia successo quel 3 ottobre, perché sembrerebbe che i Borkow fossero a conoscenza di chi aveva effettivamente preso il denaro scomparso e per questo uccisi.

Il romanzo è molto adrenalinico e ci immette nel mondo della comunicazione, sia scritta che televisiva. Il racconto presenta due piani di scrittura, il racconto al presente, la ricerca dei due giornalisti, le notizie, le lotte interne, le invidie, anche ricatti e prestazioni sessuali per cercare di accaparrarsi posti elevati. E un piano dove si racconta la vecchia storia di quello che successe nella DDR da un anno prima che avvenisse la caduta del Muro di Berlino e l’unificazione della Germania.
Bella la parte psicologica che deriva dai dilemmi di Hannah Steiner/Jana Borkow. Una persona che non riesce più a capire chi è e che si ritrova a dover condurre uno show con almeno trenta milioni di spettori. Lei che si considera una giornalista della Germania Ovest si ritrova ad essere una creatura dell’Est, la cosiddetta parte fallata.
Perché anche di questo parla il romanzo. Dopo trent’anni c’è ancora chi fa la differenza tra cittadini dell’Ovest e cittadini dell’Est, nonostante la riunificazione.
Non mancherà un finale col botto, di quello che certamente non ti aspetti … almeno io non me lo sarei aspettato.

Un thriller politico, con una scrittura scattante e sincopata, con co-protagonisti scomodi e cattivi, che fanno veramente il loro mestiere e ci rendono più chiara la svolta storica, non così facile e non così scontata, che segnò il passaggio dalle Due Germanie ad un unico paese unito, malgrado le grandi differenze economiche e sociali.
Complimenti all’autore anche per il piccolo riassunto all’inizio del romanzo dove ci rammenta passo passo tutti gli accadimenti di quell’anno particolare.
Consigliato ai nostalgici e agli amanti del “giornalismo di assalto”.

Silvia Marcaurelio


Lo scrittore:
Volker Backert è nato a Coburgo, divoratore di gialli e romanzi di avventura. Dopo il liceo ha effettuato il servizio militare che secondo lui gli è servito per non imparare nulla sulla guerra ma molto sulla psiche dell’uomo. Ha poi lavorato in un ufficio di assistenza sociale. Ha svolto attività di stampa volontaria per la politica, la chiesa e per delle associazioni. Ha vissuto in prima persona la caduta del Muro di Berlino e il periodo della riunificazione, lavorando per i servizi sociali a Coburgo, zona di frontiera, dove ha seguito molti casi personali e dove si occupava di assegnare il leggendario “denaro di benvenuto” ai cittadini della DDR che si recavano a Ovest. Dal 1995 ha lavorato a stretto contatto con la polizia come capo del dipartimento della città di Coburgo e per la pubblica sicurezza. É anche uno sceneggiatore. Ha iniziato a scrivere romanzi dal 2005. Quella notte di ottobre è il suo quinto romanzo giallo.