Piernicola Silvis – L’errore

664

Editore SEM
Anno 2023
Genere Noir
336 pagine – brossura e epub


Flo, una bellissima donna irlandese lavora per una rivista online ed è sposata con Pepe, un criminologo operante nel centro antiviolenza di Ancona. La coppia è apparentemente affiatata ma Flo comincia a mostrarsi insofferente e Pepe, che conosce o almeno crede di conoscere sua moglie, sa che non può insistere nel voler cercare di capire, perché vorrebbe dire farla chiudere in se stessa e attende che la turbolenza passi.
A volte il destino muove le persone come pedine sulla scacchiera della vita senza che ci siano regole stabilite lasciando ampio spazio al libero arbitrio e nella vita reale le variabili possono produrre risultati inattesi. Ma se normalmente il lettore viene in un certo senso “protetto” dalla verosimiglianza delle storie raccontate nei romanzi dandogli delle rassicurazioni, Pienicola Silvis con “L’errore”, pare violare questa consuetudine rendendo chi legge ansioso di conoscere l’epilogo. Pepe non sa che il cambiamento della moglie è causato dalla presenza di un altro uomo, Toni, ma non sa anche che sarà solo l’inizio del cambiamento delle vite di tutti i protagonisti della storia.

Difficile non capire sin da subito che “L’errore” affronterà dei temi affatto facili. Molti sono i riferimenti a fatti di cronaca sia recenti che passati e il loro inserimento nel plot principale pare quasi una normale visione della realtà. La descrizione delle situazioni e degli eventi resi in prima persona quando narra Pepe, e in terza quando si riferiscono a Flo e Toni, coinvolgono il lettore come se fosse lì nella trama.
Assumono importanza frasi come “mi dispiace”, o parole come ossessione o errore, appunto. Tali espressioni o parole sono riconducibili a condizioni psicologiche che l’autore indaga, sviscera e con cui si confronta con il lettore. Ogni protagonista si troverà nella condizione di dire “ mi dispiace”, a subire la propria ossessione e a pensare se non abbia commesso un errore.

Il lettore percepisce ogni sentimento e diventa difficile rimanere distaccati. A dare maggior vita alla storia, Silvis ha fornito una descrizione minuziosa della città: le dissertazioni su Ancona, che raramente è stata protagonista di un romanzo, creano un immaginario tale da spingere a cercare su internet informazioni e curiosità su questa città delle Marche poco conosciuta. Oltre ad aver trattato temi sempre attuali, di cui non si parla mai abbastanza, uno dei meriti dell’autore, già apprezzato nei romanzi precedenti, è onorare la memoria di coloro che si battono e che lavorano per la giustizia ma che una mano violenta ha strappato alla vita: ne “L’errore” sono Ulderico Biondani e Vincenzo Bencivenga, due ragazzi, prima che poliziotti, uccisi in servizio. Come scrive l’autore nelle note “spesso la fantasia di un autore di fiction è poca cosa in confronto alla crudezza della realtà”.

Luciana Fredella


Lo scrittore:
Piernicola Silvis è nato nel 1954 a Foggia. Alto dirigente della Polizia di Stato, ha lasciato il servizio nel 2017 come questore di Foggia. Con SEM ha pubblicato Formicae (2017), La lupa (2018) e Gli illegali (2019), finalista al Premio Bancarella 2020, e Storia di una figlia (2020). I suoi libri sono stati tradotti in diverse lingue.