Louise Penny – La grazia dell’inverno

766

Editore Einaudi / Collana Stile libero
Anno 2023
Genere Noir
488 pagine – brossura e epub


È il 26 dicembre quando, come d’abitudine, il commissario Gamache si trova nel suo ufficio presso la centrale della Suretè a Montreal e sta visionando i casi irrisolti che si scambia con il suo equivalente nel Service de police métropolitain.

“La mia idea è che ci scambiamo i casi irrisolti e dedichiamo qualche giorno a leggerli. A vedere se troviamo qualcosa.”

La sua attenzione viene catturata dall’omicidio di una barbona strangolata qualche giorno prima in città nei pressi di un grande centro commerciale e decide di provare a scoprire qualcosa in più su chi fosse la donna e su chi avrebbe potuto volere la sua morte.
Intanto a Three Pines, durante una partita di Curling, Cecilia de Poitiers, detta CC, muore folgorata vicino alla pista. Gli indizi fanno pensare che qualcuno l’abbia intenzionalmente uccisa. Il fatto che nessuno abbia notato niente di insolito, nonostante la confusione che c’era, è veramente strano, visto che è successo proprio sotto gli occhi di tutti.

“Bisogna tenerlo ben presente. Tutto ha senso. Tutto. E’ solo che noi non sappiamo ancora quale. Bisogna guardare con gli occhi dell’assassino.”

“La grazia dell’inverno” è il secondo romanzo in ordine di uscita della serie di Louise Penny con protagonista il commissario Armand Gamache e la cittadina di Three Pines in Canada. Sin dalla sua prima apparizione sugli scaffali delle librerie italiane con i romanzi successivi a questo, l’autrice mi ha subito conquistata con il suo stile particolare ma soprattutto con questo protagonista forte, saldo, leale, riflessivo ma deciso e con gli altri personaggi che piano piano ho cominciato a conoscere meglio con  caratteristiche che hanno contribuito a renderli unici.
In questa storia scorrono parallele due indagini che portano alla luce ombre che si tende a tenere nascoste, verità che per il solo fatto di venire ignorate, non per questo cessano di esistere.

“I cuori buoni si fanno male. I cuori buoni si spezzano, Armand. E poi passano all’attacco.”

Un noir che non vi lascerà indifferenti, una storia che sa coinvolgere il lettore trasportandolo lontano dalla propria quotidianità in cerca della verità, in                       un’ambientazione fredda per la neve che cade incessante, e calda per il tepore che si sprigiona dall’interno delle abitazioni che vivono e respirano insieme ai suoi abitanti.
La maniera in cui il commissario Gamache indaga, affascina. Per la maturità, per il legame che si crea con la sua squadra, diverso per ognuno di loro. Per lo sguardo che ha sulle cose. Per la profondità che si sforza di raggiungere di fronte all’apparenza.
Una storia in cui il passato deve essere superato per riuscire ad andare avanti. Niente deve essere dato per scontato. Perché diventiamo ciò in cui crediamo. Perché le parole possono ferire, uccidere ma anche guarire. Perché è dalle crepe che può entrare la luce.

Federica Politi


La scrittrice:
Louise Penny, vincitrice di numerosi premi internazionali, è autrice di best seller che hanno raggiunto il primo posto nelle classifiche del «New York Times», «Usa Today» e «Globe and Mail». I suoi romanzi con protagonista l’ispettore capo Armand Gamache sono tradotti in 31 lingue e in Italia sono usciti per Einaudi, che della serie ha già pubblicato: Case di vetro (2019), Il regno delle ombre (2020), Un uomo migliore (2020), I diavoli sono qui (2021), Natura morta (2022), Una specie di follia (2022) e La grazia dell’inverno (2023). Nel 2017 le è stato assegnato l’Ordre National du Québec per i suoi contributi alla cultura canadese. Vive in un piccolo paese a sud di Montréal.