Glenn Cooper – La verità di Maria

157

Editore Nord / Collana Narrativa Nord
Anno 2023
Genere Giallo
416 pagine – Cartonato e ebook
Traduzione di Barbara Ronca


Un avvincente giallo che affonda le sue radici nel 69 d.c. e che trova il suo compimento ai giorni nostri. Un lungo percorso in termini di tempo e di spazio.
Chi è Maria? Qual è la sua verità?
È quello che ci racconta Glenn Cooper nella sua ultima opera edita Nord.
Una verità, scoperta in un modo del tutto casuale, che produrrà nei protagonisti, a seconda dei loro pensieri, idee del tutto diverse e soprattutto contrapposte.
Da una parte c’è chi è convinto che sia una verità rivoluzionaria, una verità che può apportare profonde trasformazioni e radicali rinnovamenti.
Dall’altra c’è chi è convinto che sia una verità reazionaria e di conseguenza è ostile a qualsiasi spinta o tendenza innovatrice e progressista.
Samia Tedros è un’apprendista restauratrice al Museo Egizio al Cairo. Laureata all’università del Cairo presso la facoltà di Archeologia e con un Dottorato conseguito ad Harvard.

Una giovane ragazza egiziana altamente specializzata che a un certo punto deve prendere una seria decisione. La prende perché ha delle forti motivazioni, deve riuscire a pagare le cure mediche di sua sorella. È una decisione che da una parte è necessaria per salvare appunto sua sorella, ma che porta a un’altra scelta che la mette in crisi dal punto di vista etico-professionale. Deciderà di rischiare perché crede molto in quello che fa, perché ha un grande senso del dovere, un rispetto profondo per la materia del suo lavoro. Forse è una battaglia contro i mulini a vento, ma fa sperare in un futuro migliore incontrare una figura che, nonostante il pericolo, non si ferma e, convinta com’è, sfida l’azzardo.

Contatterà, perché le dia una mano, Cal Donovan professore di Storia delle religioni alla Divinity School di Harvard. Samia è stata una sua allieva, ha pensato a lui per condividere la sua scoperta circa un papiro e chiedergli aiuto per interpretare due parole che non era riuscita a decifrare. Ma nonostante quelle due parole Samia ha capito subito che quello che c’è scritto sul papiro è relativo ad una verità sconvolgente.
Da qui partirà una corsa contro il tempo.
Anche contro chi non vuole in nessuna maniera che quella verità sconvolgente venga a galla, contro chi vuole nasconderla agli occhi del mondo e per raggiungere tale obiettivo non si ferma davanti a niente e a nessuno.
Tommy Cunliffe è un uomo molto ricco e molto potente che vuole ambire alla Casa Bianca.
Cosa potrà mai rappresentare la sua figura all’interno della trama?

Rappresenta la parte ostile, avversa, contraria ai cambiamenti. È un conservatore ultra cattolico ma che di cristiano non ha assolutamente nulla, quelle figure che navigano nel lusso e che pensano di mettersi al servizio della gente solo per un proprio tornaconto personale.
Il mondo ne è pieno. E gli scrittori possono sbizzarrirsi nelle loro trame con personaggi di siffatta natura.
Ma riescono anche a scrivere di figure che non ci si aspetta di incontrare, come ad esempio Suor Elisabetta Celestino, dell’ordine delle suore Agostiniane Serve di Gesù e Maria, specializzata in Archeologia Romana e che ha guidato la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra. A Suor Elisabetta viene assegnato da Papa Giovanni XXIV, ultimo Papa appena eletto, l’incarico di Segretario dello Stato Vaticano. Un evento mai accaduto nella Storia millenaria della Chiesa cattolica. Potete ben immaginare la reazione di gran parte delle gerarchie ecclesiastiche di fronte a tale decisione. In un mondo prettamente maschile. Una suora che diventa Segretario di Stato. Il Papa ha deciso in base alle ottime competenze e capacità di Suor Elisabetta. Buona parte del mondo cattolico scatena un putiferio mediatico e un opera dietro le quinte per far decadere e far rientrare nei ranghi una semplice suora. Una donna. Si creano ad hoc diverse notizie false destinate a screditare la sua figura.

Glenn Cooper scrive di qualcosa che conosce bene, l’archeologia, ci racconta di papiri, di datazioni, di un periodo lontano in cui si utilizzavano appunto i papiri per tramandare, ci parla di lingue antiche e di studi che ancora oggi si eseguono, di scoperte di antichi tesori che tanto hanno ancora da raccontare. Ed espone una verità che appare la trama di un film (considerato che Cooper è diventato anche sceneggiatore e produttore cinematografico). Ma con essa pone l’accento su qualcosa che si pensava non fosse mai accaduta. Può capitare però qualcosa che cambia le prospettive, che può modificare procedure e prassi che si danno per scontate ed invece…

Cecilia Dilorenzo


Lo scrittore:
Glenn Cooper rappresenta uno straordinario caso di self-made man. Dopo essersi laureato col massimo dei voti in Archeologia a Harvard, ha scelto di conseguire un dottorato in Medicina. E’ stato presidente e amministratore delegato della più importante industria di biotecnologie del Massachusetts ma, a dimostrazione della sua versatilità, è diventato sceneggiatore e produttore cinematografico. Grazie al clamoroso successo della trilogia della Biblioteca dei Morti e dei romanzi successivi, si è imposto anche come autore di bestseller internazionali. Da allora ogni suo romanzo raggiunge i vertici delle classifiche.