Intervista a Christopher Bollen

1393
(fonte: www.illibraio.it)

[divider] [/divider]

Christopher Bollen è collaboratore della rivista «Interview». Autore di Lightning People (2012) e The Destroyers (2017), i suoi testi sono apparsi su «GQ», «The New York Times», «Believer» e «Artforum». Vive a New York.
La casa editrice Bollati Boringhieri ha pubblicato il suo romanzo, Orient e la scrittura di Christopher Bollen ha contribuito a rendere questa storia speciale. Anzi, no. L’ha resa bella. Per la sua capacità di fermare nelle parole le emozioni dei personaggi e per creare una costante atmosfera di suspence. Per le descrizioni particolareggiate. Per alcune metafore di natura poetica, inusuali e particolari, come veloci tratteggi in un acquerello. Questo e molto altro è Orient. Dove tutto sembra perfetto ma dove non sia ha mai la sensazione di essere al sicuro. Se cercate una storia che non sia solo una ricerca dell’assassino ma anche un viaggio introspettivo e nella società, vi consiglio di oltrepassare il ponte in macchina con Paul e Mills.  Questo è, insieme a molto altro, parte della recensione che troverete sul blog, mentre vi lasciamo alla lettura della nostra intervista:

1. Benvenuto sul nostro blog, Christopher. Cosa vorresti sapessero di te i tuoi lettori?
C.: Suppongo che mi piacerebbe che loro sapessero che è possibile scrivere di omicidi e cattive azioni ed essere comunque una persona decente quando si lascia la scrivania. Mentre il mistero del delitto o il romanzo giallo è spesso visto come un semplice intrattenimento, ho sempre trovato che fosse un meraviglioso veicolo per descrivere personaggi di ogni parte della società, su e giù, alti e bassi, dentro e fuori. Mi piacerebbe anche che i tuoi lettori sapessero quanto amo l’Italia.

2. E’ stato pubblicato per Bollati Boringhieri il tuo romanzo, “Orient”. Vuoi raccontarci com’è nata l’idea?
C.: L’idea di Orient è iniziata visitando la piccola città di Orient. Comincio sempre a pensare a un libro imparando a conoscere il luogo nel quale è ambientato. E io ero così incuriosito da questo piccolo villaggio alla fine di Long Island, a due ore di macchina da New York City, ma così diverso in ogni modo da quella metropoli. Non potevo resistere alla sensazione che sarebbe stato il luogo ideale per una serie di terribili omicidi. Ho sempre amato i misteri dell’omicidio, quindi mi è sembrato un posto perfetto per crearne uno.

3. Nel libro ci sono molti riferimenti al disagio provato dalle persone nei confronti di chi e di ciò che non si conosce. Credi che sia un malessere della società di oggi, soprattutto dopo i fatti di cronaca?
C.: La diffidenza verso l’ignoto o l’estraneo è uno dei pregiudizi più antichi della società umana. In qualche modo, è probabilmente scritto nella nostra genetica o nell’istinto di sopravvivenza: guardati da ciò che non sai perché potrebbe ucciderti. Ma certamente sento che ci sono segmenti dell’America in cui tale mentalità è ancora valida e gran parte della continuazione di una piccola comunità isolata dipende dal tenerne la parte nuova e strana. Questa è una terribile tragedia. Ci vuole davvero compassione e comprensione per accettare e accogliere l’ignoto, per imparare da ciò che non capisci, per vedere l’altro come un’opportunità positiva e non un intruso. Stiamo assistendo a un’ondata di odio in America sotto Trump, ma quell’odio è sempre stato parte della società americana. È semplicemente stato sepolto o nascosto in tempi più pacifici.

4. L’estrema ricerca di cercare di essere in una certa maniera, rispettare cliché e omologazioni mentali, finisce per minare le vite dei personaggi. In che modo riescono a raccogliere i pezzi ed andare avanti?
C.: Chiunque si sentisse estraneo – e credo che ci siamo sentiti tutti così a livelli diversi nelle nostre vite – conosce la lotta e il sacrificio di cercare di apparire come tutti gli altri. È un compito terribile dover nascondere ciò che sei, e molti dei personaggi di Orient stanno facendo proprio questo. Forse TUTTI i personaggi lo stanno facendo, e alcuni sono così bravi che hanno dimenticato che non erano sempre così. Come sopravvivi? Come crei un’identità indipendente in una comunità che è molto ostile a quel senso di sé? Penso che sia stata una delle domande che stavo cercando di porre nei personaggi di Mills e Beth nel romanzo. Mills sta nascondendo la sua omosessualità, che spingerebbe suo padre ai margini, mentre Beth nasconde la sua gravidanza, che tradizionalmente sarebbe un’occasione per riunire una comunità.

5. Il mondo dell’arte è trattato con dovizia di particolari e con una particolare empatia. Ne sei venuto in contatto o ne hai fatto parte in qualche modo?
C.: Ho scritto del mondo dell’arte per tutta la mia vita adulta, e la maggior parte dei miei amici in città sono artisti. Quindi sono stato fortunato ad avere un posto in prima fila nel molto strano e molto affascinante “mondo dell’arte”. Orient è stata una meravigliosa opportunità per scrivere del mondo dell’arte in un modo che non avevo visto nei libri o nei film prima. Gli artisti sono sempre visti negli spazi della galleria del cubo bianco con un aspetto un po’ ridicolo. Nel mio romanzo, potevo portarli nelle vecchie case di un villaggio di pescatori a Long Island in modo da poterli trasformare in veri personaggi. Mi sono divertito molto a scrivere sull’arte e sugli artisti in questa storia.

6. Dici che i compromessi sono necessari nella vita, tu quando sei dovuto scendere a compromessi durante la preparazione del romanzo. Avevi un’idea diversa o Orient è esattamente come te lo eri immaginato?
C.: Non sapevo davvero che tipo di libro avrei scritto quando ho iniziato. Non mi piace creare un intricato modello del libro prima di iniziare, temo che possa sembrare di mettere insieme una libreria; sarà un oggetto molto pratico senza vita. Sapevo che una serie di omicidi avrebbe sconvolto questa piccola comunità, e avevo il sospetto di chi sarebbe stato l’assassino e perché. Ma mi sono dato la libertà mentre scrivevo il romanzo per cambiare idea, trasformare la trama in una direzione diversa, e se dovesse apparire, trovare una soluzione più intelligente e più interessante. Penso che scrivere sia tutto incentrato sul compromesso in quanto il risultato non è mai del tutto quello che hai immaginato. Ma per me, succede se sembra vivo.

7. Dici anche che ad Orient chi era “straordinario” finiva per fuggire dalla città. Qual è la tua dote straordinaria, la tua particolarità? E in cosa Orient è straordinario?
C.: Non penso di essere davvero così straordinario nei miei talenti. Suppongo che se ho un talento è la mia etica del duro lavoro. Continuerò a lavorare e lavorare per fare qualcosa di meglio. Che ci crediate o no, la parte più difficile della scrittura è sedersi. Rimani seduto quando sei frustrato e stai semplicemente andando avanti e cercando di aggiustare quello che hai già scritto. A parte questo, sono abbastanza decente a scacchi!

8. Parli anche della paura, di come sia contagiosa e virale. Dopo l’attacco alle torri gemelle trovi che New York sia tornata ad essere quella di prima o in qualche modo l’hai vista mutare piano piano?
C.: New York è cambiata immensamente dall’11 settembre. Non doveva mai essere la stessa città di prima. Ha cambiato il momento in cui gli aerei hanno colpito le torri. Per molto tempo, l’unica storia di New York è stata la storia di quella mattina dell’11 settembre. Ma la strana dinamica di New York è che è sempre stata una città in costante cambiamento. Si evolve sempre, perdendo sempre un po’ e guadagnando un po’; ogni generazione arriva a farne un posto nuovo di zecca. Nessuno possiede veramente New York, nemmeno se possiedi il tuo appartamento. Tutti qui sono solo di passaggio. In questo modo è l’esatto opposto di una città come Orient, che alcune persone possiedono più di altre. New York è davvero più uno stato mentale di quanto lo sia un posto.

9. Dopo aver letto Orient noi speriamo sinceramente di tornare a leggerti al più presto. Quali sono i tuoi progetti futuri?
C.: Grazie! Spero di continuare a scrivere libri che valga la pena di leggere e spero che tu sia interessata a leggerli. L’anno scorso negli Stati Uniti, ho pubblicato un romanzo intitolato “The Destroyers” su un giovane che misteriosamente scompare su un’isola greca. E ora sono al lavoro su un romanzo di due artisti americani con artisti a Venezia, in Italia! Non ho potuto resistere alla scrittura di una delle mie città preferite.

Intervista a cura di Federica Politi