Lisa Jewell – Qualcuno ti guarda

640

Editore Neri Pozza / Collana I Neri
Anno 2020
Genere Thriller
512 pagine – brossura e epub
Traduzione di Annamaria Biavasco e Valentina Guani


I rancori a lungo covati non svaniscono nel tempo. Si saldano, grazie alla tenacia dei giorni che si susseguono lenti gli uni dopo gli altri, in un luogo remoto dentro di noi. E anche se la vita va avanti e gli eventi si accumulano alle nostre spalle, nuovi sentimenti ed emozioni non riescono ad affogare vecchi livori che continuano a galleggiare a pelo d’acqua in attesa delle condizioni ottimali, quanto inattese, per poter saltarne fuori con tutta la brutalità e la ferocia scaturite da un dolore che non si è mai estinto. Da una ferita che non si è cicatrizzata.

“In fondo preferirei saperlo, sapere se davvero ha fatto qualcosa di brutto, per decidere una volta per tutte che cosa pensare di lui. Perché è tremendo avere due pareri, due sentimenti contrastanti nello stesso tempo.”

Siamo in una zona di Bristol, una quartiere di case iconiche e variopinte, laddove le abitazioni sono spesso espressione di chi le abita, di chi è riuscito a stabilirsi in questo posto tranquillo dopo averlo tanto sognato.
Il romanzo si apre con un omicidio all’interno di una di queste dimore, più precisamente in una cucina, dove un corpo giace riverso a terra nel sangue, ucciso a coltellate. Ad indagare un’agente della Divisione Investigativa, Rose Pelham.
Da questo fatto torniamo indietro per seguire le vicende delle persone che sembrano essere coinvolte in questo omicidio, senza mai venire a conoscenza, fino alla fine, di chi sia la vittima.
Sono diversi i protagonisti di questo bellissimo romanzo che si sviluppa pagina dopo pagina nell’ingrandire un dubbio con una serie di certezze che poi vengono ribaltate ai nostri occhi.
Joey, ventisette anni, una vita sopra le righe, a commettere sbagli, a sottrarsi alle responsabilità, convinta di essere una gran pasticciona differentemente dal fratello Jack, che è sempre stato un uomo affidabile e responsabile.
Joey è tornata da poco a Bristol, con un marito Alfie, un uomo estremamente bello quanto semplice e bonario, con il quale si è sposata dopo poche settimane cavalcando l’onda di una folle attrazione. Vivono nella casa del fratello, che li ospita nell’attesa che loro riescano a sistemarsi, che a sua volta è sposato e in attesa di un figlio, con Rebecca, una donna totalmente diversa da lui, abbastanza riservata e poco incline alla socialità.
Nella casa di fronte vive Tom Fitzwilliam, preside della scuola di zona, un uomo di mezza età dal fascino irresistibile, con una moglie più giovane e un figlio che va al liceo il quale trascorre gran parte delle sue giornate alla finestra di camera a guardare cosa fanno gli abitanti del quartiere, arrivando ad appuntarsi e fotografare i fatti degni di nota.
Poco più avanti sulla strada vive Jenna, una ragazza di sedici anni circa, che frequenta con l’amica Bess, la scuola che dirige Fitwilliam, e che vive con una madre che è disturbata psicologicamente, convinta di essere spiata e seguita.

Tra questi personaggi si stabiliscono situazioni e si innescano dinamiche capaci di dilatare la storia in un romanzo di ampio respiro dove la tensione cresce nella curiosità di sapere chi sia la vittima quanto quella di scoprire chi sia l’assassino ma non solo, perché, almeno per quanto mi riguarda ho tratto maggior interesse nel ridisegnare i ritratti psicologici dei vari personaggi che vengono dipinti pagina dopo pagina. Il cercare di capire le loro azioni ma soprattutto le loro motivazioni.
Lisa Jewell è una scrittrice abile capace di condurci laddove vuole, portandoci a sospettare per poi riannodare tutti i fili facendoci vedere come la verità era stata omessa, non nascosta, ai nostri occhi.
Un romanzo che coinvolge durante la lettura, uno di quelli che mentre lavori pensi: non vedo l’ora che sia stasera per andare avanti e sapere.
Un romanzo che ci conduce nel difficile rapporto tra genitori e figli, nel complicato rapporto tra adolescenti dove esiste chi subissa e chi subisce, nell’indissolubile legame che esiste tra fratelli. Un romanzo dove si vorrebbe dare un nome a quegli amori impossibili che diventano reali trasformandosi in qualcosa di diverso. Dove il desiderio può essere terribile quanto inaspettato arrivando a sconvolgere la quotidianità e ciò in cui si era sempre creduto. Dove si può passare una vita intera a cercare di essere senza mai riuscire a mostrare chi siamo veramente. Dove l’amore si lega indissolubilmente all’odio dando vita a un sentimento insano dal quale è difficile prendere le distanze e dove crescere, maturare coincide con il farsi carico delle proprie responsabilità, prendendo atto delle proprie scelte e agendo di conseguenza.

Federica Politi


La scrittrice:
Lisa Jewell è nata e cresciuta nel nord di Londra, dove vive ancora con il marito e le due figlie. Il suo primo libro, Ralph’s Party, è stato il romanzo d’esordio più venduto del 1999. Ha scritto numerosi altri romanzi che sono entrati nella classifica dei bestseller del Sunday Times. Con Neri Pozza ha pubblicato Io ti ho trovato (2017) e Ellie all’improvviso (2018).