Roland Topor – L’inquilino del terzo piano

293

Roland Topor (1938-1997) ha studiato alla Scuola Nazionale di Belle Arti di Parigi. Attore, apprezzato incisore e grande disegnatore, ha fondato con Fernando Arrabal il gruppo surrealista “Panique”, collaborato a diverse riviste, realizzato sculture e partecipato a diverse esposizioni in Francia e in Europa. Ha realizzato serie televisive e numerose opere teatrali. Autore di commedie caustiche e irriverenti contro la società borghese, ha scritto fiabe e romanzi (L’inquilino del terzo piano, 1964; Café panique, 1982) e con la collaborazione del regista René Laloux creato innovativi film d’animazione (Les temps morts, 1964; Les escargots, 1965; La planète sauvage, 1972).

Da oggi in libreria il suo romanzo “L’inquilino del terzo piano”, edito da Bompiani, di cui vi riportiamo la trama:

Subentrato nell’appartamento di un’inquilina apparentemente suicida, Trelkovsky, scapolo tranquillo e ingenuamente anticonformista, si trova piano piano coinvolto in una misteriosa macchinazione ordita dai vicini. Reo inconsapevole e prigioniero di un’inesorabile metamorfosi, fuori e dentro casa, in una Parigi di comignoli e scale di legno, verrà perseguitato con accanimento in un crescendo di trappole e stregonerie. Una storia che ipnotizza il lettore riga per riga, creando un’insopportabile tensione psicologica generata dal quotidiano orrore della vita in un condominio.