Karsten Dusse – Inspira, espira, uccidi

407

Editore Giunti / Collana M
Anno 2022
Genere Thriller
396 pagine – brossura e epub
Traduzione di Rachele Salerno


Bjorn, avvocato in carriera al servizio di clienti molto particolari (delinquenti di vario genere e narcotrafficanti), viene obbligato dalla moglie, pena la loro relazione e soprattutto il legame con la loro bambina, a frequentare un corso di mindfulness per trovare la soluzione ai propri problemi e vivere un sereno equilibrio tra famiglia e lavoro. L’intraprendente avvocato segue alla lettera gli insegnamenti dell’istruttore di mindifulness, anche se non è facile quando hai come clienti pericolosi criminali, e li utilizza per liberarsi definitivamente di ogni problema. Liberarsene non solo metaforicamente ma nel vero senso della parola, soprattutto perché i problemi sono reali persone in carne e ossa.

Quando il suo cliente più pericoloso, per sfuggire all’arresto, si nasconde nel bagagliaio della sua auto nel giorno in cui deve partire per un fine settimana con la sua piccola, obbligandolo ad occuparsi di lui nei suoi due unici giorni di relax,
Björn decide, rispondendo in maniera attiva e ciecamente agli insegnamenti della meditazione, di lasciare il suo “problema” nel portabagagli per tutto il tempo della sua breve vacanza. E lo lascia lì, chiuso, con sessanta gradi di temperatura. Inevitabile la letale conseguenza.
Di qui, una serie di rocambolesche soluzioni per liberarsi del “problema” e proseguire la sua vita normale nell’isola felice creatasi meditando.

Geniale! Ecco l’aggettivo che per primo vorrei usare per definire questo surreale thriller.
L’autore, con una particolare scrittura carica di ironia, descrive abilmente tutti gli aspetti della società in cui il libro è ambientato facendone emergere pregi e difetti ed esaminandone i lati oscuri.
Leggere questa storia briosa e accattivante, induce al sorriso e alla riflessione allo stesso tempo. Per chi non conosce la mindfulness, e ne è diffidente, leggerne in termini di gioco aiuta senza dubbio a entrare in perfetta simbiosi con il protagonista che ci si avvicina in maniera non disinvolta, dubbioso e con ritrosia. Ogni capitolo è aperto con una citazione di un famoso manuale di mindfulness per dirigenti che caratterizza poi l’esatto accadimento narrato nelle pagine che seguono. La storia travolge e si ha voglia di leggerla a perdifiato, fino alla fine, immedesimandosi nel protagonista a tal punto che la sua vita diventa la propria vita. Infatti si impara la materia, ci si rilassa, si resta travolti dagli accadimenti. “Si uccide”.

Le lezioni di meditazione sono il filo conduttore, la colonna sonora di tutta la narrazione, e rendono la trama una commedia esilarante che narra con facilità e leggerezza di fatti che normalmente sarebbero descritti con tragicità. Ed è proprio questa la forza di questo libro: condurre sulla via della consapevolezza, del rilassamento e della positività con intelligente ironia. Seguire le vicende del protagonista diventa, entrando sempre più nella storia, un percorso a ostacoli dove si rischia di fare rocambolesche cadute, riscoprendosi a ridere di esse. Non manca, però la forza dei punti fondamentali quali: l’importanza del legame familiare e la sua difesa ad ogni costo, i vincoli della società bigotta, le ingiustizie e i rapporti loschi negli ambienti di lavoro. L’autore, con questo racconto, disegna il modo per sopravvivere alle angherie della vita, cambiando la visuale canonica e scegliendo l’equilibrio come percorso risolutivo.
Questo è un libro delizioso, che affronta con la giusta dose di sorridente immaginazione temi reali. Ed è proprio la sorridente immaginazione che questa storia stimola ad essere la straordinaria chiave di lettura.
“Inspira, espira, uccidi”. A partire dal titolo…Geniale!

Brunella Caputo


Lo scrittore:
Karsten Dusse è un avvocato e autore di format televisivi di grande successo. Inspira, espira, uccidi è il suo romanzo d’esordio, il primo di una serie di thriller che hanno scalato la Top Ten dello Spiegel e non ne sono mai usciti da due anni a questa parte. La storia del cinico eppure ingenuo avvocato Björn Diemel, che diventa un vero e proprio criminale grazie alla mindfulness, ha conquistato milioni di lettori in 13 Paesi e sarà presto un film.