Stephen Spotswood – Un indizio sulla pelle

51

Editore Mondadori / Collana Omnibus
Anno 2024
Genere Giallo
348 pagine – brossura e ebook
Traduzione di Manuela Faimali


“Un indizio sulla pelle” continua le emozionanti avventure dell’investigatrice privata Lillian Pentecost e della sua assistente, l’ex artista circense Willowjean Parker. La loro collaborazione, stabilita per la prima volta in “La fortuna aiuta il morto” quando Parker salvò Pentecost da un assalitore, viene messa nuovamente alla prova in questo avvincente seguito.

In “Un indizio sulla pelle,” Will Parker ritorna nel mondo del Circo, dove ha affinato le sue abilità nel lancio dei coltelli. Il suo ex mentore, Valentin Kalishenko, è accusato dell’omicidio di Ruby Donner, la “Donna Tatuata Straordinaria” del circo, trovata morta con uno dei coltelli di Kalishenko conficcato nella schiena. Le prove contro Kalishenko sono puramente circostanziali. Gli abitanti del paese preferiscono credere che il colpevole sia un artista del circo piuttosto che uno di loro, mentre i membri del circo difendono strenuamente l’innocenza di Kalishenko. Sfortunatamente, Kalishenko non ha un alibi, poiché la notte dell’omicidio era in uno stato di blackout alcolico. Il proprietario del circo si rivolge a Lillian Pentecost per scoprire il vero assassino. Lillian si sente obbligata ad aiutare a causa di eventi passati, e Will è motivata dal desiderio di sostenere il suo mentore e cercare giustizia per Ruby. Tuttavia, man mano che Will approfondisce il caso, si rende conto che la sua ex famiglia circense è cambiata, e non può più considerarla casa.

Willowjean Parker, ex artista circense con un talento straordinario per il lancio dei coltelli, è profondamente legata al mondo del circo. La sua lealtà e il forte senso di giustizia la spingono a tornare nel suo vecchio ambiente per scagionare il suo mentore, Valentin Kalishenko, e risolvere l’omicidio di Ruby Donner. Questa missione è per lei tanto professionale quanto personale.

Lillian Pentecost, investigatrice privata esperta, combatte quotidianamente contro la sclerosi multipla. Nonostante la malattia, Lillian mantiene una mente acuta e una determinazione incrollabile nel risolvere i casi. La sua condizione, però, spesso le impedisce di partecipare direttamente alle indagini sul campo, costringendola a fare affidamento su Will per la parte operativa del lavoro.

Valentin Kalishenko, l’ex mentore di Will e lanciatore di coltelli del circo, si trova in una situazione disperata: è accusato dell’omicidio di Ruby Donner, la “Donna Tatuata Straordinaria”. Il suo alcolismo e la mancanza di un alibi complicano ulteriormente la sua difesa, ma Will è convinta della sua innocenza e determinata a provare che non è lui il colpevole.

Ruby Donner, la vittima, aveva un passato complesso che legava il circo alla città di Stoppard, Virginia. Il suo omicidio fa emergere segreti e rancori che rendono l’indagine ancora più intricata e difficile da risolvere.

Ariel Balestrade, una chiromante e consulente spirituale, è una figura enigmatica con molte connessioni nelle famiglie influenti della città. Sembra conoscere molti segreti, sia di Lillian che di Willowjean, aggiungendo ulteriore mistero e complessità alla vicenda.

La serie Pentecost e Parker, e in particolare “Un indizio sulla pelle” è una deliziosa combinazione di narrativa investigativa hard-boiled e colpi di scena inaspettati. Questo libro ricorda la classica collaborazione presente nella serie di Nero Wolfe di Rex Stout, con Will Parker che assume un ruolo simile a quello di Archie Goodwin, gestendo il lavoro sul campo per Lillian Pentecost. Il passaggio dall’ambientazione urbana abituale alla piccola città e al mondo del circo aggiunge profondità ai personaggi, soprattutto a Will, che affronta il suo passato e il presente. L’ambientazione del circo fornisce uno sfondo ricco per il mistero, aggiungendo strati di intrigo e nostalgia. La complessità della trama, con i suoi numerosi aspetti e connessioni inaspettate, rende la storia coinvolgente e stimolante. Lo svelamento dell’omicidio di Ruby rivela una rete di segreti che si estende oltre il circo, mantenendo il lettore coinvolto fino alla fine.

Lillian Pentecost e Willowjean Parker sono un duo dinamico, e i loro punti di forza contrastanti creano una narrativa avvincente. “Un indizio sulla pelle” è una continuazione soddisfacente della loro storia, e attendo con impazienza altri misteri con questi personaggi intriganti.

Matteo Bordoni


Lo scrittore:
Stephen Spotswood è un giornalista e uno sceneggiatore pluripremiato. Il suo primo romanzo, La fortuna aiuta il morto (Mondadori, 2021), ha vinto il Premio Nero Wolfe come miglior giallo. Un indizio sulla pelle è il secondo volume della serie che ha come protagoniste le investigatrici Pentecost e Parker.