Loredana Falcone e Laura Costantini – Rosso violento

930

Independently published / Collana Noir a colori
Anno 2018
Genere Noir – Poliziesco
251 pagine – brossura e epub

[divider] [/divider]

C’è una macchina parcheggiata in prossimità del lago su cui si riflette la problematica ma intrigante città di Chicago. All’interno della stessa c’è un uomo che si bea delle prestazioni sessuali di una donna sexy, la cui bocca è disegnata da un rossetto di marca di una tonalità intensa che ricorda il sangue. Il medesimo rossetto che la polizia troverà, qualche giorno dopo, sul cadavere dell’uomo barbaramente seviziato e che segnerà una scia di delitti efferati e violenti.

C’è una serial killer che adesca uomini nei locali di Chicago e poi li uccide con una brutalità estrema, firmando i delitti con il suo rossetto violetto e violento. Di questo ormai la polizia e gli inquirenti ne sono certi tanto da diramare un avviso pubblico per avvertire gli uomini del pericolo a cui possono incorrere.

C’è una giovane poliziotta, Sandy, che ama il suo lavoro e che per la sua fragilità e la sua dolcezza fa innamorare il suo capo e che per uno strano scherzo del destino finisce con l’essere la maggiore sospettata della scia di delitti. E c’è un investigatore esperto e affascinante che rimane vittima dell’assassino anche lui mentre indaga con la sua collega Ashley di cui è innamorato.

C’è soprattutto una persona distrutta dalla vita e dal destino che l’ha fatta nascere differente da quello che avrebbe desiderato e per questo ha deciso che l’unico modo per poter placare la sua rabbia è la vendetta. Una vendetta contro tutti, anche contro il suo stesso sangue.

Rosso violento è un giallo dalle mille sfaccettature dove il lettore, più che farsi travolgere dalla suspense, si fa travolgere dal senso di ineluttabilità del destino, soprattutto quando lo stesso decide di infrangersi contro alcune persone distruggendo la loro vita ancora prima che possano essere in grado di cambiarla. I protagonisti, più che la storia dell’incredibile giallo di Costantini e Falcone rendono il romanzo emotivamente tragico. La tensione è completamente emotiva e anche se ci sono pagine di azione pura chi legge non può dimenticare la sofferenza e il disagio di ognuno dei singoli protagonisti. Personaggi che solo all’apparenza possono essere catalogati come buoni o cattivi, ma che in realtà finiscono con l’essere tutti vittime di qualcosa di molto più grande e più forte di loro.

Molto credibile anche la descrizione che le autrici fanno di Chicago, una delle metropoli più famose degli Stati Uniti, una città ricca di opportunità e occasioni da cogliere, ma anche pervasa da una criminalità che non riesce a essere debellata e che dura da secoli. In questa città, l’omicida protagonista di Rosso violento trova humus per le sue azioni, ma non giustificazione sociale. Non è Chicago a renderlo una persona violenta, ma la sua stessa sorte a punirlo in ogni modo possibile, anche trasformandolo in una bestia assettata di sangue. È la sua parte emotiva e fragile a sconvolgere di più i lettori, perché il male di vivere fa più paura dell’azione criminale in sé.

Bravissime, infine, le autrici a creare anche un poliziesco classico, con tutte le dinamiche che si possono trovare in una stazione di polizia e tra colleghi. La rappresentazione dei tipi delle forze dell’ordine, delle loro incasinate esistenze, dei loro rapporti interpersonali non è propriamente una cosa originale ma è una cosa plausibile e siccome il senso del romanzo è dato dalla psicologia che lo pervade la semplicità dei cliché aiuta anche in questo.

Antonia del Sambro

[divider] [/divider]

Le scrittrici:

Falcone e Laura Costantini sono un duo scrittorio e questo è il loro primo romanzo pubblicato da autrici indie con il marchio FalconeCostantini.
Se volete conoscerle meglio visitate il sito www.lauracostantini.it/falconecostantini