Chris Whitaker – I confini del cielo

849

Editore Einaudi / Collana Stile Libero Big
Anno 2021
Genere Noir
472 pagine – brossura e epub
Traduzione di Gianni Pannofino


La prima cosa che posso dire di questo romanzo, e di solito non si dovrebbe fare, è che è un libro Meraviglioso. Esatto! Meraviglioso con la “M” maiuscola. Quest’anno è il libro che mi ha colpito di più e i suoi personaggi mi rimarranno nel cuore per un bel pezzo. Era successa una cosa del genere con “Una vita come tante” della Yanagihara, e ora con questo qui, che ha scalzato dal mio podio personale, un altro bellissimo libro di quest’anno, “Scrublands Noir” di Chris Hammer.
Siamo nell’estate del 2004, a Cape Haven un piccolo paesino sulla costa Californiana in piena erosione.
Duchess ha tredici anni, e si è autoproclamata «fuorilegge» per via del suo avo Blue Scott Radley, ma per comportamento ne dimostra trenta. È dedita con tutta sé stessa a far vivere una vita migliore al suo fratellino, Robin, che di anni ne ha quasi sei. D’altronde la loro non è la famiglia del Mulino Bianco; non hanno un padre, non sanno chi sia, e la loro madre, Star, è a dir poco problematica: è dedita all’alcol e alle droghe.

L’unico adulto a cui i due ragazzini si posso appoggiare è Walker, il comandante della polizia di Cape Haven, un uomo malato, cosa di cui nessuno è a conoscenza, e ancorato al passato. Un passato che lo riporta indietro di trent’anni, quando aveva quindici anni e già pensava di fare il poliziotto, di essere sempre dalla parte del giusto.
Walk, Martha, Star e Vincent, quattro amici che in una notte, per una tragedia, perdono tutto. L’amicizia, l’amore e la fanciullezza.
Ma adesso che Vincent, responsabile di quei fatti, è stato rilasciato, bisognerà fare i conti con il prezzo del suo ritorno.
Per molti, Vincent, ha scontato la sua pena ma non la sua colpa. Tra vecchi affetti e odi mai sopiti, il suo arrivo in città sconvolgerà per sempre i destini di Cape Haven.
In questo romanzo troveremo tutti i sentimenti insieme, ma amore e dolore la faranno da padroni. L’amore di Duchess verso Robin, che l’ha fatta crescere prima del tempo, facendola diventare un’adulta e saltare l’infanzia. Cosa che non vuole per il suo fratellino.
Troveremo rancore e vendetta e ancora odio e crudeltà.
Il dolore che leggeremo tra queste pagine è forte, travolgente, tanto da provarlo per davvero.

Il senso di appartenenza e di amicizia che troveremo tra i personaggi ci sorprenderà. L’amicizia “per sempre” di Walk verso Vincent, di Duchess e Robin e di Duchess e Walk.
La vendetta, che tutti vogliono. Che tutti i personaggi bramano, hanno due termini diversi, ma che portano dalla stessa parte: per i buoni è giustizia per i cattivi è sempre vendetta.
E poi ci sono le perdite. Quelle che non ti aspetti, quelle che ogni personaggio in questa storia subisce. Chi la perdita di sé, chi qualcuno di molto caro. E il dolore provato sarà al di sopra di ogni cosa.
La prima parte del romanzo è incentrata sulla conoscenza dei personaggi, ed è molto più calma e profonda, aulica quasi. Ci fa immergere nelle dinamiche tra i protagonisti, come il rapporto tra Duchess e Robin, e l’amicizia fra Vincent e Walk, al di sopra di tutto e di una lealtà senza condizioni.
Invece la seconda parte è più incalzante, più ficcante e i tasselli, che sembravano sparsi qua e là, cominciano a trovare la loro giusta collocazione, e i colpi di scena non mancano, riportando il lettore, a capire che effettivamente quello che sta leggendo è pur sempre un noir, il tutto condito però da un senso di dolore straziante e da una commozione vibrante che impregnano tutta la storia fino alla fine.

I personaggi sono meravigliosi. Su tutti Duchess che è protagonista a cui ci si affeziona, che la si vorrebbe poter aiutare in ogni modo, entrare nelle pagine del libro per fonderle coraggio e aiuto e conforto. Poi il piccolo Robin, che soffre e vorrebbe, effettivamente, la famiglia del Mulino Bianco, ma ha solo perdite e dolore. E Vincent, con la paura di vivere e il non perdono di sé stesso. E Walk, ancorato al passato, divorato dal presente e da un’amicizia a cui crederà per sempre.
La storia in sé che l’autore ci ha raccontato è struggente e dolorosa, ma la sua scrittura l’ha resa aulica e quasi sognante, con l’uso sapiente di una prosa sopraffina. Ringrazio anche il traduttore Gianno Pannofino che ci ha sicuramente messo del suo per rendere quest’opera così vibrante per i temi toccati.
Veramente consigliato, dalla prima all’ultima pagina! Per me il libro dell’anno.

Silvia Marcaurelio


Lo scrittore:
Chris Whitaker vive in Hertfordshire con la moglie e i tre figli. È autore di tre romanzi pluripremiati: Tall Oaks, All the Wicked Girls e I confini del cielo, che ha venduto piú di 500 000 negli Stati Uniti, è in corso di traduzione in 23 paesi e i cui diritti tv sono stati opzionati dalla Disney. Quando non è impegnato a scrivere lavora per la biblioteca locale di York Times, ed è stato il vincitore del Gold Dagger Award per il miglior noir.